lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Cultura > RINO VALIDO, POESIA DELL’ASTRAZIONE

RINO VALIDO, POESIA DELL’ASTRAZIONE



di Giorgio Siri - 12 agosto 2017, 20:34

A Celle Ligure, in attesa, allo spazio SMS d’ Arte, della mostra di Pastorino e Cutrupi, ritorniamo su quella di Rino Valido, conclusasi domenica scorsa. Nato a Varazze nel 1947, Valido manifesta precocemente una speciale attitudine per le attività manuali. Frequenta a Genova la scuola grafica professionale e segue i corsi serali all’Accademia Ligustica di Belle Arti. Collabora con diversi laboratori fotolitografici genovesi, dove lavora come cromista.
Negli anni 1970 tiene le prime mostre personali o partecipa alle collettive. Dagli anni 1980 si dedica interamente all’arte e al design. Realizza inoltre progetti nell’ambito espositivo, fra cui lo Stand Finanziaria Finsider nel 1978, Finanziaria Stet Roma 1981, Stand Ansaldo Holding 1996, il totem “Piramidi” 2005 realizzato per il centenario della Elsag e “L’aggregazione aziendale” 2006 per Elsag Datamat. Si sono occupati di lui critici illustri come Luciano Caramel e Luciano Caprile.
Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private sia in Italia che all’estero.

“Terre e carte” era il titolo della rassegna allo spazio SMS e forse, nelle opere esposte, si poteva cogliere una sintesi significativa dell’opera del maestro.

“Terre e carte” che si combinano insieme in un accattivante ed anche un po’ enigmatico gioco di colori in cui si può immaginare di intravvedere ora un campo, ora un prato, ora l’ombra di un muro, ora un riflesso marino e comunque in un’accurata ricerca cromatica che sembra derivare da suggestioni di Bruno Munari o Giovanni Anceschi, con la loro impronta di designer, che del resto Valido è, oppure di personalità come Gianni Brusamolino o Getulio Alviani, senza dimenticare la lezione dei grandi maestri dell’astrattismo italiano come Afro e Mirko Basaldella. In tale contesto Valido appare come un pittore squisitamente astratto la cui ricerca cromatica ne caratterizza il tratto. Ma è proprio tale ricerca a rendere particolare il nostro autore: questo fotolitografo con la passione per la pittura inizia il suo cammino negli anni 1970 dipingendo, come si è di lui scritto, sulla scia dell’eredità dei paesaggisti liguri ed è stato, anzi, accostato a Guido Hanset; è un vedutista ed un ritrattista; dipinge in Francia, a volte, e la Camargue rimane impressa nelle sue esperienze. Poi il punto di vista cambia: non più lo scorcio di paesaggio ma le sfumature od i tratti essenziali che lo delineano e poi, di esso, le subliminali impressioni cromatiche e siamo al passaggio verso l’astrattismo che, nella personalità di Valido, assume, di quando in quando od a sorpresa, la particolare allusività geometrica, che scompone il mondo esterno, secondo un punto di vista dall’autore, che inizialmente era stato un bravo paesaggista, oppure ricompone, in immagini dalla magistrale e complessa composizione cromatica, le percezioni ottiche inconsce, i riverberi dei colori, i riflessi della memoria; oppure assembla in forma artistica i tanti “pantoni” che il grafico Valido utilizzava per la stampa e che racchiudevano un messaggio particolare, nelle loro essenze cromatiche, che occorre essere in grado di svelare e l’autore lo è…oppure traduce in espressioni pittoriche moduli di progettazioni di design!

Le “terre” della mostra allo spazio SMS “distillavano”, se è consentito il termine, ancora di più, rispetto a certe comunque affascinanti ed evocative immagini di estensioni francesi, i colori del mondo esterno, della “terra” che è intorno a noi, riportando nell’inserzione ottica e geometrica l’impressione di atmosfere familiari, di campagne o di marine a noi prossime, od almeno così sembrava, sempre nell’accattivante gioco razionale – irrazionale, conscio – inconscio; perchè le figure e le forme di Valido possiedono il rigore strutturale ed oggettuale, e, allo stesso modo, la poeticità di un linguaggio astratto che comunica direttamente con la percezione visiva e con la mente riproponendo le problematiche, gli interrogativi, le inquietudini, l’ansia di ricerca o le illusioni, secondo i punti di vista, che hanno caratterizzato le esperienza dell’ Arte contemporanea.

Allo stesso modo le “carte”, nella scala ridotta, in un modo forse più ludico, esprimono lo stesso messaggio, sempre serbando nell’effetto dei colori lo scopo della composizione. Qualcuna delle “carte” è stata realizzata, in ceramica, dalla Bottega di Mannuzza, il Tondo, in particolare da Andrea Mannuzza.

One thought on “RINO VALIDO, POESIA DELL’ASTRAZIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *