giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Sport > Rinviato il campo di Hockey in erba sintetica a Legino

Rinviato il campo di Hockey in erba sintetica a Legino

Prendiamo atto, con non poco rammarico, delle polemiche che – ad onor del vero – non condividiamo affatto – che hanno portato, in sede di Consiglio Comunale, ad un rinvio dell’esame della pratica relativa al campo di Hockey in erba sintetica del C.S.I. a Legino. Scendere a discutere sul terreno politico non è certamente nostra competenza anche se di politica si vive e si muore tutti i giorni: noi sportivi vogliamo e desideriamo restare assolutamente sul solo piano sportivo.

Vogliamo ribadire, ancora una volta, che i Clubs cittadini di Hockey Prato attendono da ben 24 anni la realizzazione di un impianto ove poter svolgere il loro sport che è disciplina olimpica che in Savona viene praticata dal lontano 1948 ininterrottamente. A chi dice che siamo in “pochi” rispondiamo che siamo oltre 200 giocatori regolarmente tesserati alla Federazione ed oltre 20 Dirigenti attivi: accanto a costoro ci sono tante e tante famiglie interessate allo sport che i loro figli-cittadini savonesi come tanti altri ragazzi e ragazze – praticano in città senza un campo ed un idoneo impianto. Ricordiamo ancora una volta che tutte – ripetiamo TUTTE – le città italiane da molti anni hanno avuto dalle loro Amministrazioni Comunali un campo adatto a questa disciplina e che la città di Savona è l’UNICA a NON avere ancora un campo. Ricordiamo ancora che le ultime Amministrazioni Comunali hanno – giustamente – provveduto a spendere danaro pubblico per la costruzione di altre opere ed impianti sportivi, quali la recente piscina per il nuoto e pallanuoto e la palestra del Parco Doria che sarà la nuova sede per la sola Società Frattellanza Ginnastica Savonese che oltre i grandi meriti che tutti le attribuiamo non ha certo un numero di tesserati e praticanti maggiore del nostro Hockey. Ed allora quale è il problema? Non riusciamo proprio a comprenderlo! Vogliamo ancora far rilevare che la decisione di risolvere una volta per tutte il problema del campo di Hockey a Savona risale a 5 anni or sono, quando, all’insediamento del nuovo Sindaco Federico Berruti e della Sua Giunta, tale soluzione dlel’Hockey era – finalmente – stata inserita fra le priorità sportive. Il nuovo campo non è quindi certamente un’invenzione degli ultimi giorni, ma fa parte di una progettistica sportiva che l’Amministrazione voleva e tuttora vuole risolvere per dare dignitosamente una collocazione a tutte le discipline – Hockey compreso – che onorano e tengono alto il nome della città di Savona in Italia e nelle manifestazioni internazionali all’estero. Un impegno preciso dopo anni di inganni e promesse mai mantenute. Probabilmente in molti – volutamente – si sono dimenticati che i nostri Sodalizi per anni ed anni hanno partecipato alla serie A con i loro mezzi senza sponsor e con sacrifici economici incredibili indebitandosi in prima persona e non ricevendo supercontributi da chicchessia! Molti non ricordano che, ancora negli ultimi anni, le nostre squadre giovanili hanno vinto degli scudetti tricolori ed altre si sono piazzate al secondo posto a livello nazionale alla faccia dei problemi economici e della totale carenza di impianti che ci hanno consentito pochissime ore di allenamento settimanale. Sappiamo soltanto noi ed i ragazzi i sacrifici che abbiamo fatto per ottenere questi importanti risultati che – crediamo – vanno nel “medagliere” della nostra città.
In ultimo vogliamo ribadire – per chi non lo avesse ancora capito – che il nostro ambiente dell’Hockey, essendo fatto di veri ed autentici sportivi, è aperto ad ogni altra soluzione: intendiamo dire che al campo C.S.I. di Legino ci va benissimo che esso possa essere frequentato dai ragazzi del Quartiere, dagli alunni delle Scuole al mattino e da Club cittadini che l’Amministrazione Comunale vorrà inserire essendo lei stessa la padrina dell’impianto e volento – giustamente – coinvolgere altre realtà sportive cittadine perché trattasi ben di una struttura sportiva pubblica.
E allora ripetiamo qual è il problema di tanto ostruzionismo?
La spesa pubblica? Siamo anche noi d’accordo che vanno fatti tutti i possibili risparmi in un momento di difficile economicamente, ma siamo altrettanto certi e convinti che vale davvero la pena di investire sui giovani e sullo sport, su tutto lo sport e su una gioventù che ha bisogno di ritrovarsi possibilmente molto più sugli impianti sportivi che altrove!
Si fa troppo spesso inutile retorica e sciocca demagogia sui problemi della nostra gioventù che non ha ideali e luoghi di sano ritrovo: noi siamo convinti che il miglior luogo di ritrovo siano le palestre ed i campi ove praticare lo sport.
Ed allora, cerchiamo di capirlo, tutto quello che si spende e si investe nello sport e per i giovani è ben speso.
La nostra collaborazione è e resta totale, ma vorremmo che tale nostra volontà ci venisse contraccambiata allo stesso modo sui principi di quella parità e dignità della quale – speriamo – tutti siano convinti.

Firmato:
il delegato provinciale della Federazione Italiana Hockey – Carlo Colla
I componenti del consiglio direttivo delle società sportive cittadine Savone Hockey Club e Liguria Hockey Club

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *