mercoledì, dicembre 19, 2018
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Riscoprire via Solerti al Santuario di Savona

Riscoprire via Solerti al Santuario di Savona


di Redazione - 27 febbraio 2018, 18:22

Via Solerti al Santuario di Savona è una stradina racchiusa tra due vecchie mura che si snoda in una zona secondaria dopo la Basilica, tra via Cimavalle e via Monteorato, per cui poco conosciuta . In Liguria si chiamano “creuze”; se ne trovano ancora in antichi borghi e ovunque ricordano i tempi passati dando l’idea quasi surreale di vedere ancora una vecchia contadina che porta una cesta o un boscaiolo con la sua accetta o i bambini che corrono, personaggi che pure oggi si possono a volte incontrare. Questi muri così dritti fatti di sassi tenuti insieme con il fango, racchiudono segreti familiari e ci lasciano, percorrendone le stradine sottostanti, un sapore fragrante di serenità e pace.

Trovo inoltre significativo che sia stata dedicata questa piccola via ad Angelo Solerti, nato a Savona nel settembre 1865, di famiglia veneta, critico letterario, insegnante e bibliotecario, divenuto famoso per la sua  “Vita di Torquato Tasso” e un’edizione critica della “Gerusalemme liberata”. In essa si riscoprono il rispetto per il tempo e la sua storia ha qualcosa di fragrante che invita a farsi scoprire.

Il 17 marzo 2018, il giorno prima della festa patronale della Madonna di Misericordia, si intende, attraverso un’installazione di una piccola targa, ( con la breve descrizione dedicata ad Angelo Solerti), e di un tappeto su tutta la via (possibilmente rosso, usato , ancora da trovarsi, lungo circa 80 metri) per sensibilizzare l’opinione pubblica e far partecipi i cittadini/paesani stessi. Il tutto coronato da un intervento del professor Michel Perloff, già docente di architettura all’Università Luminy di Marsiglia, specialista dello spazio pubblico, e un brindisi collettivo finale, a scoprire come luoghi comuni possono diventare luoghi importanti, e renderli parte di un quotidiano che ognuno di noi custodisce già dentro di sé.

Imelda Bassanello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *