Attualità

Risparmio energetico nel savonese: Plodio sul podio

E’ il Comune di Plodio, in Valle Bormida, ad aver risparmiato più energia nel corso del 2017, in provincia di Savona, grazie agli interventi edilizi mirati all’adeguamento ai criteri di risparmio nelle gestione energetica delle abitazioni e delle imprese sul territorio comunale. In termini “pro-capite”, pertanto per utenza e per famiglia, si tratta di un taglio sulle bollette recapitate a Plodio pari a 123,8 kilowattora. Seguono, tra i comuni più “virtuosi”, Bergeggi (117,8 kwh), Cisano sul Neva (95,7 kwh), Borghetto Santo Spirito (87,5 kwh) e Laigueglia (78,7 kwh). Le prime dieci posizioni tra i comuni savonesi sono completate da Erli (75,9 kwh), Sassello (60,1 kwh), Altare (53,5 kwh), Noli (51,3 kwh) e Spotorno (50,3 kwh). Savona città è molto distanziata (29,5 kwh) e Albenga è ancora più giù (14,4kwh). Ma le vere “maglie nere”, come i “buoni” del resto, sono nell’entroterra: Casanova Lerrone (1,2 kwh), Murialdo (1,5 kwh), Rialto (2,7 kwh) e Ortovero (3 kwh).

Tra i numeri assoluti Enea, che come ogni anno stila un rapporto sull’efficienza energetica, segnala investimenti complessivi in Italia per oltre 3,7 miliardi di euro su base annua. A tanto sono ammontati gli interventi di ristrutturazione edilizia finalizzati al risparmio energetico e quindi ammessi nel meccanismo di detrazione fiscale. Ed è questa la ragione per cui se ne conoscono i dettagli statistici.

Una cifra che, se raffrontata con quella relativa all’anno precedente, fa segnare un aumento dell’11,2% nelle spese degli italiani per migliorare le performance energetiche delle proprie abitazioni. Il risultato è un risparmio totale di 1,3 milioni di megawattora l’anno. O, se si preferisce, di 21,6 kilowattora a testa ogni dodici mesi. E’ partendo proprio da quest’ultimo elemento, che Infodata ha potuto elaborare la mappa del risparmio energetico generato dagli investimenti degli italiani.

Il risparmio di oltre 1.300 gwh per gli interventi eseguiti nel solo 2017 è stato ottenuto principalmente grazie a due tipologie di interventi  che presentano il miglior rapporto costo/efficacia, vale a dire la sostituzione di serramenti (circa il 40% del risparmio) e la coibentazione di solai e pareti (oltre il 25%).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: