mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Attualità > Rosanna La Spesa alla ricerca di sè stessa

Rosanna La Spesa alla ricerca di sè stessa

Rosanna La Spesa parteciperà, a Bedonia, il 27 e 28 aprile, alla collettiva “Liveglia Live”, rassegna volta a far rivivere la frazione di Liveglia, per la quale si impegnano 33 artisti; a Savona, Rosanna aveva partecipato, alla Sala mostre del Palazzo della Provincia, nella prima metà di aprile,sempre in collettiva, all’omaggio artistico curato da Silvia Bottaro, ad Anton Giulio Barrili, nel cendodecimo anniversario della morte. Prima di tale evento aveva esposto a Carcare, a villa Barrili, dal 9 al 24 febbraio, per una personale che abbracciava un trentennio della sua attività. Ne è risultato, dell’autrice, un profilo interessante e movimentato, vario e non completo, perchè non sembra potersi parlare di completezza per questa artista di cui potremmo individuare una parola chiave per designarne la personalità creativa: ricerca. A tutto campo, nel vero senso della parola, nei meandri pure celati allo sguardo ed alla percezione! Da vele “feyningeriane” di una prima maniera di lei meno nota, a grandiose scene per lo spettacolo, ad installazioni nelle quali domina il vetro, un materiale amatissimo da Rosanna, si riscontra un cammino creativo che si pone, forse, sempre nuovi e diversi orizzonti. Le vele, dal segno movimentato, risalgono al periodo, come l’autrice ci rivela, della scomparsa del padre, e pertanto potremmo cogliere, nei tratti neri che rammentano un qualcosa di Vedova, un’anelito alla partenza, al desiderio di raggiungere un approdo lontano, verso “lontananze benefiche” per citare Thomas Mann di “Morte a Venezia”, e sono davvero inizio del cammino che porta Rosanna alla scoperta degli elementi della Natura, a voler captare i segreti dell’Acqua, della Terra, della Vita, della Vita che fu, colta in talune raffigurazioni di fossili; oppure in straordinarie conchiglie, ottenute con una tecnica complicata, fra la stampa e l’incisione, che rammentano le antiche illustrazioni dei trattati sulla natura dei secoli passati, sino a Linneo, quando la forma della conchiglia non evolve verso fantasmagoriche spirali di riflessi, quasi a voler evocare un risvolto artistico della scienza naturalistica, un terreno di contatto intrigante tra Arte e Scienza, dove scoprire legami arcani, dove trovare tracce concrete di quel “brodo primordiale” da cui tutto deriverebbe, compresa la nostra presenza sulla Terra. Accanto a ciò Rosanna persegue con costanza una volontà di impegno sociale, di voler far scaturire dal suo lavoro una ferma protesta contro le ingiustizie, contro le diseguaglienze, contro la morte ingiusta dei migranti nel mare, come ne testimoniava, in altre esposizioni, la raffigurazione toccante di mani che affioravano a supplicare un aiuto, tese in una sorta di preghiera ed insieme di volontà di vivere, parlanti a nome pur di anonimi, per le nostre menti obnubilate, esseri umani che non vogliono, che rifiutano, di essere sommersi dall’acqua e dalla sfortuna, che Rosanna ha saputo così emotivamente comunicare! Con la stessa empatia con la quale esprime l'”ingabbiamento” dell’acqua, l’accapparamento di questo bene comune che diventa privato ed esclusico, un imprigionamento espresso da forme vitree chiuse da filo di ferro! Poi ritorna una vena poetica ed arcana, altrettanto cara all’artista, in cui la ricerca verso le viscere del mondo collima con la ricerca interiore e la mostra di Carcare aveva il suo punto di arrivo in una installazione di lastre di vetro illuminate, quasi dei mehnir trasparenti, in cui luce e materia sembrano connessi, fragili ed insieme indistruttibili, come l’essenza stessa dell’uomo, nello stesso tempo richiamanti l’acqua, il fluido, la materia diafana e trasparente, che Rosanna La Spesa è capace di modellare, di plasmare, di assemblare, con tanta forza persuasiva!

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *