Politica

Rottamare l’ “Agenda Monti” è impossibile!

Con l’avvicinarsi delle elezioni politiche aumenta il numero di coloro che promettono, se vinceranno le elezioni ed andranno al governo, di cambiare radicalmente la politica economica del Governo stesso, rilanciando la crescita a scapito del pareggio di bilancio che diventerà una variabile dipendente dallo sviluppo dell’economia.

Anche Santoro, in una delle ultime puntate del suo programma, “Servizio pubblico”, ha citato un economista americano che sparlando del rigore di bilancio, ha accusato gli europei di non capire nulla di economia e soprattutto di non tenere conto del fatto che la grande depressione degli anni ’30, fu sconfitta con le ricette di sviluppo economico elaborate da John Maynard Keynes. Santoro, con un sorrisetto compiaciuto, ha rivolto al suo interlocutore la domanda retorica “Non è meglio un po’ di inflazione per rilanciare l’economia e poi vedere i dati di bilancio ?”Per rispondere a questa domanda occorre chiarire alcuni concetti: 1) L’inflazione è la diminuzione del valore effettivo di una moneta rispetto al proprio valore cartolare ed è il risultato derivante dalla formula di Fisher (MV = QP) che prende il nome dell’ideatore. Per finanziare l’inflazione occorre, cioè, che l’istituto che deve emettere moneta aumenti la quantità della stessa in modo da coprire i maggiori costi richiesti per finanziare lo sviluppo. All’epoca di Keynes chi doveva emettere moneta negli  U.S.A. era la FED cioè la Banca centrare federale. In Europa dall’introduzione dell’Euro le banche centrali non possono più emettere moneta, compito che è demandato soltanto alla BCE la quale deve tenere conto, nell’immettere liquidità nel sistema, che i regimi economici dei vari Paesi aderenti all’Euro non sono identici e non hanno gli stessi parametri.  Il trattato di  Maastricht, per rendere omogenei i bilanci nazionali, stabilisce che il rapporto fra debito pubblico e PIL non possa superare il 103%. Nel 2011 il rapporto fra debito pubblico e PIL italiano era del 120,11%, oggi è del 126% e per il 2013 è previsto del 127%. Dai 17 ai 24 punti  percentuali oltre i parametri di Maastricht!
2) Il debito pubblico italiano è pari a circa 2.000 miliardi di Euro. Che cos’è il debito pubblico ? Per debito pubblico si intende i debiti dello Stato nei confronti di altri soggetti (imprese, banche, soggetti stranieri, ecc.)  che hanno sottoscritto obbligazioni (i BTP) per coprire il fabbisogno finanziario statale.
Aumentare l’inflazione significa, anzitutto, aumentare il tasso degli interessi che si devono pagare per collocare i nostri BPT sul mercato finanziario, tenendo conto che ogni punto di interesse costa circa 20 miliardi di Euro all’anno. Oggi il costo per interessi di questo approvvigionamento è pari a circa 90 miliardi di Euro l’anno. Se si dovesse estinguere in 30 anni il debito pubblico di circa 1.800 miliardi di Euro ai 90 miliardi di interessi dovrebbe aggiungersi una rata di ammortamento del capitale pari a 60 miliardi di Euro. Cioè servirebbero 150 miliardi di Euro circa, ogni anno, per trent’anni per estinguere il nostro debito. Il tutto partendo dal presupposto che il rapporto Debito /PIL sia in pareggio o, possibilmente, in attivo e non che cresca di anno in anno come succede oggi.
Ecco perchè la prima misura indispensabile è quella di portare il bilancio annuale in pareggio come era già nel 2007 all’epoca del Governo Prodi. Ecco perchè è necessario che nel 2013 si giunga al pareggio di bilancio che si può ottenere solamente attraverso due leve finanziarie:
a) la riduzione dell’evasione fiscale (che oggi incide per circa 100 miliardi l’anno).
b) La riduzione delle spese correnti dello Stato. La lotta all’evasione fiscale è una battaglia non solo moralmente giusta, ma indispensabile per riportare una prima giustizia distributiva tra i lavoratori dipendenti che non possono evadere ed i fruitori di altri redditi che possono nascondere in tutto o in parte le loro entrate. Ma la misura più importante e determinante per evitare che il debito pubblico si autoalimenti attraverso l’inflazione è la riduzione delle spese correnti. Questa è un’altra battaglia imprescindibile che ha certamente effetti recessivi (perchè ridurre le spese significa meno occupazione e meno acquisti di beni e servizi) ma ha come effetto l’inversione della tendenza all’effetto perverso per cui i costi generano inflazione e nuovi costi. Circa le misure adottate dal Governo Monti, si può poi discutere se siano state tutte efficaci e tempestive o se non si sarebbe potuto effettuare altre scelte che non sono state fatte.  L’impianto fondamentale però è quello proposto dal Governo ed approvato dalla “strana maggioranza” che lo sostiene. Qualunque Governo uscirà dalle urne nel mese di aprile non potrà non tenere conto dei vincoli. In mancanza di provvedimenti di contenimento reale del debito pubblico, i tassi di interesse per il collocamento del BTP (il tanto citato spread) riprenderanno a salire e gli effetti recessivi aumenteranno in maniera esponenziale. In questo quadro, prima o poi, come in Grecia, non riusciremo a collocare i nostri BTP e mancheranno i soldi per le spese correnti e lo Stato dovrà dichiarare bancarotta.  Ed allora l’incubo della repubblica di Weimar si materializzerà dietro l’angolo!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: