mercoledì, Aprile 24, 2019
Home > Musica > Salone Nautico di Genova: un successo

Salone Nautico di Genova: un successo

Inaugurato il primo ottobre il Salone nautico di Genova si avvia alla conclusione con questo fine settimana. L’appuntamento, giunto ormai alla sua 51° edizione, si conferma anche questa volta riferimento internazionale e nazionale per il mondo della nautica e del mare. Manifestazione nata nel 1962, vide una doppia edizione nel 1972, rappresenta l’evento più importante del settore in Italia e tra i primi al mondo come “numeri” e internazionalità; sinergia collaudata di forze a cominciare dalla Fiera di Genova e l’UCINA – Confindustria Nautica. La magnifica location nei locali della fiera di Genova, il classico fronte mare e le giornate dal clima quasi estivo hanno permesso ai visitatori un piacevole soggiorno sia all’interno dei padiglioni che all’esterno. Forse meno di quelli attesi i biglietti staccati nel primo fine settimana inaugurale ma, aspettiamo la chiusura per tirare bilanci.

Numeri che però si possono già dare per comprendere l’entità dell’evento. Ben sanno genovesi e pendolari quando alcune settimane prima degli inizi di ottobre assistono a “grandi manovre” in zona foce per l’arrivo dei numerosi e lunghi scafi e per il montaggio delle imponenti strutture.
Questa edizione vede 1.300 espositori, oltre 2.000 imbarcazioni di cui 450 in acqua e oltre 450 novità presentate. L’edizione del cinquantenario dello scorso anno aveva visto però 1.400 espositori, 2.300 barche e 500 novità. L’esposizione si sviluppa su tre padiglioni, due grandi marine e ampi spazi all’aperto fronte mare, si è evoluta in favore di una suddivisione merceologica che ottimizza il percorso di visita e esalta la spettacolarità della parte floating. Nella nuova darsena una della banchine più esterne è stata destinata principalmente alle imbarcazioni che effettueranno le prove in mare, mentre alla banchina superyacht si accede tramite una reception dedicata. Nelle aree all’esterno nuove tendostrutture nel corridoio tra il padiglione C e il padiglione Blu consentono di proseguire la visita al coperto; più ampia e spaziosa anche la tendostruttura che ospita Mondoinvela in Marina 2. Le imbarcazioni pneumatiche vedono una razionalizzazione e concentrazione all’interno del padiglione Blu e del padiglione S. La suddivisione merceologica ha un’ulteriore ottimizzazione con lo spostamento della vela dalla Darsena di Ponente alle marine. Un layout che offre quindi a un settore in crescita come quello della vela nuova centralità e la visibilità che da tempo meritava.  Nuova collocazione anche per il portale mare, con l’attracco battelli e la biglietteria realizzate in prossimità del pontile di collegamento tra Marina 2 e la nuova darsena.

Si può parlare di crisi?
Forse si. Il settore ha retto l’onda d’urto della crisi internazionale senza mostrarlo con evidenza ma ai più attenti qualche segnale non poteva mancare. Di per se l’evento sempre di altissimo profilo, un po’ sottotono per alcuni : naturale rispecchiarsi della situazione Paese. E’ anche vero che da sempre tutto il mondo della nautica, dalla cantieristica all’indotto, dagli accessori ed abbigliamento sino alle attività sportive ha rappresentato per il sistema Italia luogo di grande impiego, riconosciuta eccellenza internazionale e simbolo della produttività nostrana. Diverse le realtà cantieristiche in crisi lungo la penisola, per la nostra provincia basti pensare alla storica assenza del marchio Baglietto. E’ anche necessario raccontare però un settore che sembrerebbe e vorrebbe uscire dalla crisi con i proprio mezzi, capace di una eccellenza unica riconosciuta in tutti i campi. Tema anche affrontato nelle discussioni di approfondimento al Solone quello fiscale e la necessità di “battere bandiera italiana”; volano produttivo e di più giusta ridistribuzione fiscale. Dopo un 2010 più nero le notizie che arrivano sul trend del settore relative al 1° trimestre 2011, vedono alcuni segnali incoraggianti sia a livello di fatturato (+3,9% sullo stesso periodo dell’anno precedente), sia sul fronte degli ordini, che hanno un andamento nuovamente positivo: si tratta pertanto di elementi che testimoniano una possibile stabilizzazione del mercato dopo due anni di forte contrazione (circa il 45% nel 2010 rispetto al 2008, anno in cui il comparto valeva circa 6,2 miliardi di euro). In tale contesto emergono inoltre altri elementi significativi, che confermano la capacità dell’industria nautica italiana di mantenere la propria posizione di leadership a livello internazionale. In questo senso sono da leggersi alcuni indicatori, come la quota di produzione per export della cantieristica che, nel 2010, rappresenta oltre i due terzi del fatturato. Questo risultato è indubbiamente frutto della forte spinta all’internazionalizzazione favorita dalle imprese del comparto, che vede la nautica al quarto posto dell’export tra i settori del Made in Italy. In relazione all’andamento del mercato del lavoro, gli addetti diretti a fine 2010 ammontavano a circa 27.000, con una minima riduzione rispetto all’anno precedente, anche grazie all’utilizzo dello strumento della Cassa Integrazione, che ha potuto pertanto salvaguardare la manodopera specializzata , caratteristica dell’eccellenza produttiva della cantieristica italiana. Anche sul fronte dell’occupazione si evidenziano alcuni segnali incoraggianti per la produzione nautica, con una diminuzione costante del monte ore di Cassa Integrazione da parte delle aziende del comparto. Speriamo che la scia sia quella. Questo fine settimana sarà quindi l’ultimo disponibile per visitare il salone, occasione anche per appassionati, “piccoli” armatori, giovani velisti o semplici curiosi di ammirare il tutto da vicino, ma soprattutto nella nostra terra di Liguria avvicinare i bambini al meraviglioso mondo del mare.  Sarà in tal senso un weekend tutto speciale, sabato 8 e domenica 9 ottobre, tutti i bambini fino a 10 anni entreranno al Salone Nautico gratuitamente, se accompagnati da un adulto.

Lorenzo Grazioli Gauthier


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *