martedì, Ottobre 22, 2019
Home > Attualità > Salvini e Boldrini (quasi) amici grazie alla Supercoppa Italiana

Salvini e Boldrini (quasi) amici grazie alla Supercoppa Italiana

La politica è per antonomasia il terreno delle opinioni e delle scelte che ne scaturiscono. Il discorso politico differisce da quello scientifico perché risulta difficile in molti casi giungere a una verità oggettiva e inconfutabile. Teorie economiche e politiche diverse si alternano da secoli con successi e insuccessi, grandi o contenuti a secondo della lente di ingrandimento attraverso cui si guarda il mondo. Difficilmente una questione riesce a mettere d’accordo due fazioni, in virtù delle scuole di pensiero e perché, in fondo, smarcarsi e distinguersi dagli altri è il primo passo per iniziare a convogliare verso di sé il consenso. Sono dunque pochi i casi che riescono a unire esponenti opposti.

Nei travagliati tempi recenti, all’insegna di tweet sguaiati e discutibili dirette Facebook dove il linguaggio politico sta riscoprendosi sempre più triviale accentuando lo scontro su tutti i fronti, la Supercoppa Italiana (che, a onor del vero, di “super” ha ben poco e il cui valore è poco più di quello di un torneo estivo) è riuscita nel complicatissimo obiettivo di unire due che in più di un’occasione non se le erano mandate a dire: Laura Boldrini e Matteo Salvini. Oltre alle tre lettere finali dei rispettivi cognomi, l’ex presidente della Camera e il ministro degli interni (nonché vice premier) hanno davvero poco in comune. La prima europeista, femminista e aperta verso l’immigrazione mentre il secondo respinge le navi delle ONG e si fa beffe, almeno a parole, delle istituzioni europee di cui per anni ha fatto parte. Tuttavia, la decisione di giocare la gara tra Juventus e Milan in Arabia Saudita, a Jeddah, ha fatto assumere ai due esponenti politici una posizione comune. Il motivo è che sarà impedito alle donne di occupare alcuni settori dello stadio e vi saranno zone a loro dedicate dove saranno separate dagli uomini (Miccichè ha smentito che le donne non potranno recarsi da sole all’evento, anche se permangono dubbi sulla libertà di movimento delle donne in quei Paesi) . Della serie, bentornati nel Medioevo. Laura Boldrini ha espresso il suo sdegno attraverso il suo profilo Facebook:

Le donne alla #SuperCoppaItaliana vanno allo stadio solo se accompagnate dagli uomini. Ma stiamo scherzando?I signori del calcio vendano pure i diritti delle partite ma non si permettano di barattare i diritti delle donne!

Matteo Salvini, con un video dei suoi, ha affermato senza mezzi termini “Una vergogna! Mi fa schifo la Supercoppa in Arabia Saudita!” e ha aggiunto (a sproposito): “Dove sono le nostre Boldrini?”.

Chi ne esce abbastanza male dalla triste vicenda è il mondo delle istituzioni sportive. I “maligni”, a patto che esistano, cominciano già a dire che “il mondo del calcio fa del moralismo fino a quando non entra di mezzo il portafoglio”. E, tutto sommato, questa vicenda pare proprio corroborare questa tesi. Nelle ultime settimane, buona parte degli addetti ai lavori ha fatto un gran parlare della necessità di sospendere le partite in caso di cori razzisti. Una soluzione bigotta che avrebbe come unica conseguenza quella di fornire uno strumento fantastico ai delinquenti che desiderano danneggiare la comunità. Lo stadio devo tornare a essere un luogo di intrattenimento come tutti gli altri: ti comporti male? Metti in bella mostra la tua ignoranza con cori razzisti? Bene, devi essere identificato e punito secondo la legge. Se al cinema qualcuno schiamazza, lo sbattono fuori o impediscono agli altri di vedere il film?

Il presidente della Lega di Serie A, Gaetano Miccichè, ha provato a gettare acqua sul fuoco spiegando che in fondo il calcio non deve sobbarcarsi compiti e ruoli che sarebbero appannaggio della politica e come la scelta federale sia stata fatta seguendo la tradizione che vuole questo mini trofeo come spot dell’Italia nel mondo. Sottolineando, poi, che l’Italia ha numerosi rapporti con l’Arabia Saudita e che, leggendo tra le righe, potrebbe anche in altri contesti sollevare queste importanti questioni. Insomma, in ogni caso “pecunia non olet”.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *