Attualità

San Francesco: “l’inventore del Presepe”

A partire da a oggi fino a a Natale (con un’appendice il giorno dell’Epifania) descriveremo quotidianamente una figura rilevante del Presepe. Cercheremo di addentrarci e capire meglio quel fantastico microcosmo che è il Presepe, rappresentato per la prima volta nel 1223 a Greccio (Rieti)

A mio avviso non si può iniziare se non con “l’inventore del Presepe”: San Francesco.

La figura di Francesco è davvero straordinaria, ben colta dai versi di Dante :

“Ma perch’io non proceda troppo chiuso
Francesco e Povertà per questi amanti prendi oramai nel mio parlar diffuso”.

Emerge con chiarezza lo “scandalo” di San Francesco, aver scelto come sposa la povertà, essendo lui nato ricco. Sono ormai passati alcuni secoli dall’esempio del santo di Assisi, ma la figura di Francesco è ben presente anche nostri giorni.
L’attuale pontefice ha scelto il nome di Francesco (I), forse per indicare alla nostra società in perpetua ricerca del denaro e del successo l’esistenza di altri valori.

San Francesco è stato nominato “il giullare di Dio”, lui stesso si è sempre considerato umile servo, ha nominato ogni manifestazione del creato come fratello o sorella, avvicinandosi ad una visione quasi panteistica, grazie al suo scritto “Cantico di Frate Sole”, a noi noto come “Cantico delle Creature”.

Nel Medioevo al giullare era permesso di motteggiare il re, senza pagare lo scotto della pena capitale. San Francesco ha ampiamente criticato la Chiesa dei suoi tempi, ma ne è sempre rimasto all’interno. Sia per il suo ordine, sia per il Presepe, ha atteso l’approvazione del Pontefice.

San Francesco è stato “sposo” di sorella povertà e non ha mai temuto l’ancor più terribile sorella morte. Qualche mio collega probabilemente scriverebbe che oggi il denaro è diventato l’unico mediatore simbolico, (“sorelle”) povertà e morte sono rimosse o ancor peggio negate grazie alla preponderante presenza dell’iper narcisismo dominante.

Nell’avvicinarci a questo Santo Natale dovremo forse ricordare l’esempio di San Francesco, egli aveva compreso come la partecipazione, la condivisione possano portare all’amore nei confronti di tutti nostri fratelli e sorelle (materiali e immateriali).

Ogni figura del Presepe non è altro che una parte di noi, l’intenzione di questi scritti è quella di poterle capire un po’ meglio, passo a passo: buona lettura a tutti.

2 commenti

  • Mi piace molto questa storia del presepe, di facile lettura e molto ben curata.
    Un plauso a Cesare Vismara per questo articolo e per quello della settimana scorsa sulla fiera di Santa Lucia, sono savonese, ma non conosvevo l’ origine della festa.

  • Mi è piaciuto molto questa del presepe, di facile lettura e molto accurata. Un vivo apprezzamento a Cesare Vismara per questo articolo e per quello della settimana scorsa sulla fiera di Santa Lucia, sono savonese, ma non conoscevo l’origine della festa.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: