Musica

Sanremo 2020, ci siamo!

Tutto pronto per l’apertura dell’evento musicale italiano per antonomasia, il Festival di Sanremo, che tra poche ore manderà in scena la sua settantesima edizione. Una delle principali caratteristiche della kermesse canora di quest’anno, che vedrà Amadeus nel duplice ruolo di conduttore e direttore artistico, è senza dubbio rappresentata da una presenza femminile nutrita come non mai. Se un tempo le donne che salivano sul palcoscenico sanremese venivano chiamate semplicemente (e impropriamente) vallette, questa volta ci si trova di fronte a vere e proprie co-conduttrici, alcune delle quali – Antonella Clerici e Mara Venier, quest’ultima presente nella serata finale – hanno fatto la storia della televisione, in un cast variegato comprendente nomi che spaziano dallo spettacolo allo sport e all’informazione. E allora eccolo al completo, il cast femminile di Sanremo 2020: Francesca Sofia Novello, Laura Chimenti, Antonella Clerici, Diletta Leotta, Emma D’Aquino, Sabrina Salerno, Alketa Vejsiu, Mara Venier, Georgina Rodriguez, Rula Jebreal. Proprio la presenza di quest’ultima – inizialmente estromessa dalla manifestazione e successivamente reintegrata – aveva suscitato vivaci polemiche da parte di alcuni esponenti del mondo politico, che la consideravano di parte e “anti-italiana”. A tale riguardo Amadeus ha precisato che la presenza della giornalista e scrittrice di origine palestinese (in possesso di cittadinanza israeliana e italiana) è da ricondurre al ruolo e al monologo che svolgerà contro la violenza sulle donne, escludendo ogni legame con le sue supposte idee politiche.

Come da tradizione il Festival della Canzone Italiana va in scena all’inizio del mese di febbraio, esattamente durante la prima settimana. Le date di svolgimento per l’edizione di quest’anno vanno dal 4 all’8 febbraio: cinque serate che vedranno alternarsi sul palco dell’Ariston 24 “Campioni” (detti anche “Big”), tra i quali fa sensazione il ritorno di Rita Pavone, assente da Sanremo da ben 48 anni (e dunque esordiente all’Ariston poiché il Festival del 1972, l’ultimo al quale l’artista torinese prese parte, si tenne al Salone delle feste del Casinò), la cui partecipazione – insieme a quella di Tosca – è stata annunciata lo scorso 6 gennaio dallo stesso Amadeus durante la trasmissione Soliti ignoti-Il ritorno – Speciale Lotteria Italia (gli altri 22 “Campioni” sono stati annunciati il 31 dicembre 2019). Una sorta di playlist adatta a tutti i gusti – così la definisce lo showman ravennate – che tutti, dai nonni ai più giovani, potranno ascoltare sin dal giorno dopo il Festival, di cui ora diamo l’elenco completo dei cantanti e delle canzoni in gara:

Achille Lauro – Me ne frego
Alberto Urso – Il sole ad est
Anastasio – Rosso di rabbia
Bugo e Morgan – Sincero
Diodato – Fai rumore
Elettra Lamborghini – Musica (e il resto scompare)
Elodie – Andromeda
Enrico Nigiotti – Baciami adesso
Francesco Gabbani – Viceversa
Giordana Angi – Come mia madre
Irene Grandi – Finalmente io
Junior Cally – No grazie
Le Vibrazioni – Dov’è
Levante – Tiki Bom Bom
Marco Masini – Il confronto
Michele Zarrillo – Nell’estasi o nel fango
Paolo Jannacci – Voglio parlarti adesso
Piero Pelù – Gigante
Pinguini Tattici Nucleari – Ringo Starr
Rancore – Eden
Raphael Gualazzi – Carioca
Riki – Lo sappiamo entrambi
Rita Pavone – Niente (Resilienza 74)
Tosca – Ho amato tutto

Oltre ai “Campioni”, come da consuetudine, si esibiranno le “Nuove proposte” (o “Giovani” che dir si voglia): otto interpreti per altrettanti brani in che rispondono ai seguenti nomi e titoli:

Leo Gassmann – Va bene così
Fadi – Due noi
Marco Sentieri – Billy Blu
Fasma – Per sentirmi vivo
Eugenio in via di Gioia – Tsunami
Tecla Insolia – 8 marzo
Matteo Faustini – Nel bene e nel male
Gabriella Martinelli e Lula – Il gigante d’acciaio

Dopo le prime due serate dedicate alle esibizioni, equamente ripartite, di “Campioni” e “Nuove proposte” (12 per i primi, 4 per i secondi), ritroveremo la prima categoria al completo in occasione della serata “cover” – forse la più attesa insieme alla finale, sicuramente la più divertente – che vede i cantanti interpretare, da soli oppure insieme a un altro artista italiano o straniero, una canzone a scelta tra le più rappresentative di settant’anni di storia della manifestazione canora e denominato per l’occasione Sanremo 70. Le interpretazioni saranno votate dai musicisti e dai coristi componenti l’Orchestra del Festival. La media tra le percentuali di voto ottenute dagli artisti durante la terza serata e quelle ottenute dalle canzoni e dagli artisti nelle serate precedenti determinerà una nuova classifica nella sezione “Campioni”. Questo il programma:

Achille Lauro con Annalisa – Gli uomini non cambiano (1992)
Anastasio con la Premiata Forneria Marconi – Spalle al muro (1991)
Alberto Urso con Ornella Vanoni – La voce del silenzio (1968)
Bugo e Morgan – Canzone per te (1968)
Diodato con Nina Zilli – 24 mila baci (1961)
Elettra Lamborghini con Myss Keta – Non succederà più (presentata in anteprima e fuori gara al Festival di Sanremo 1982)
Elodie con Aeham Ahmad – Adesso tu (1986)
Enrico Nigiotti con Simone Cristicchi – Ti regalerò una rosa (2007)
Francesco Gabbani – L’italiano (1983)
Giordana Angi con i Solis String Quartet – La nevicata del ‘56 (1990)
Irene Grandi con Bobo Rondelli – La musica è finita (1967)
Junior Cally con i Viito – Vado al massimo (1982)
Le Vibrazioni con i Canova – Un’emozione da poco (1978)
Levante con Francesca Michielin e Maria Antonietta – Si può dare di più (1987)
Marco Masini con Arisa – Vacanze romane (1983)
Michele Zarrillo con Fausto Leali – Deborah (1968)
Paolo Jannacci con Francesco Mandelli e Daniele Moretto – Se me lo dicevi prima (1989)
Piero Pelù – Cuore matto (1967)
Pinguini Tattici Nucleari – Medley di Papaveri e papere (1952), Nessuno mi può giudicare (1966), Gianna (1978), Sarà perché ti amo (1981), Una musica può fare (1999), Salirò (2002), Sono solo parole (2012), Rolls Royce (2019)
Rancore con Dardust e La Rappresentante di Lista – Luce (tramonti a nord est) (2001)
Raphael Gualazzi con Simona Molinari – E se domani (1964)
Riki con Ana Mena – L’edera (1958)
Rita Pavone con Amedeo Minghi – 1950 (1983)
Tosca con Silvia Pérez Cruz – Piazza Grande (1972)

Nomi di assoluto rilievo anche quelli degli ospiti che si alterneranno sul palco dell’Ariston. Da Fiorello e Tiziano Ferro, “arruolati” da Amadeus per tutte e cinque le serate, al cast del film di Gabriele Muccino Gli anni più belli (Pierfrancesco Favino, Kim Rossi Stuart, Claudio Santamaria, Emma Marrone), annunciato per la prima serata così come Al Bano e Romina Power, che presenteranno il brano Raccogli l’attimo.
La seconda serata sarà caratterizzata dalla presenza di personaggi che hanno scritto pagine indimenticabili di storia del Festival come Zucchero Fornaciari e i Ricchi e Poveri (nell’originaria formazione a quattro composta da Angela Brambati, Franco Gatti, Marina Occhiena e Angelo Sotgiu), cui si aggiunge quella di Paolo Palumbo, cantautore oristanese malato di SLA, che eseguirà, con l’aiuto di un “comunicatore vocale” che guida con gli occhi, l’autobiografica Io sono Paolo, accompagnato dal rapper Kumalibre, che canterà con lui, e dal cantautore Andrea Cutri, che dirigerà l’orchestra.
Grande attesa per la performance (accompagnata dalle immancabili polemiche relative al cachet) di Roberto Benigni, annunciata per giovedì insieme a quelle di Massimo Ranieri, Mika e Lewis Capaldi.
Generazioni a confronto all’insegna di nomi come Johnny Dorelli, Gianna Nannini, Dua Lipa e Ghali in occasione della quarta serata, che vedrà altresì l’esibizione in veste di ballerino dell’ex fotomodello Ivan Cottini, malato di sclerosi multipla, insieme alla coreografa Bianca Maria Berardi.
Gran finale sabato sera con il cast del film di Fausto Brizzi La mia banda suona il pop (Christian De Sica, Diego Abatantuono, Massimo Ghini, Paolo Rossi, Angela Finocchiaro), Biagio Antonacci e il gruppo musicale cubano Gente de Zona.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: