giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Attualità > Sanremo al 69°: emozione e musica all’esordio sul palco dell’Ariston

Sanremo al 69°: emozione e musica all’esordio sul palco dell’Ariston

Inizio emozionante per il Festival di Sanremo, con la musica come protagonista, con un dovuto omaggio a Claudio Baglioni che ha riproposto, con a fianco i suoi brillanti compagni di viaggio Bisio e Raffaele, in alto sul palco, dove si esibiva uno straordinario corpo di ballo, uno dei suoi successi più amati : “Voglio andar via” del 1981; inizio magnifico, con una scena splendida, come è ormai consuetudine per il Festival. Francesco Renga ha aperto la competizione con “Aspetto che torni”. Sono 24 i “big” che si sfidano ed in questa prima serata si esibiscono tutti. La prima cantante donna a comparire sulla scena è l’incontenibile Loredana Bertè.

Di seguito le canzoni e gli artisti:

Senza farlo apposta – Federica Carta e Shade

Un po’ come nella vita – Patty Pravo e Briga

I ragazzi stanno bene – Negrita

Argento vivo – Daniele SilvestriRancore

Solo una canzone – Ex otago

Rolls Royce – Achille Lauro

Mi sento bene Arisa

Aspetto che torni – Francesco Renga

Per un milioneBoomdabash

Nonno Hollywood – Enrico Nigiotti

Un’altra luce – Nino D’Angelo e Livio Cori

SoldiMahmood (vincitore di Sanremo Giovani)

L’ultimo ostacoloPaola Turci

Abbi cura di me – Simone Cristicchi

L’amore è una dittatura – Zen Circus

Le nostre anime di notte – Anna Tatangelo

Cosa ti aspetti da me – Loredana Bertè

La ragazza col cuore di lattaIrama

I tuoi particolariUltimo

Mi farò trovare prontoNek

Dov’è l’ItaliaMotta

Musica che restaIl Volo

Rose viola – Ghemon

Parole nuoveEinar (Vincitore Sanremo Giovani)

Così ha voluto il “dirottatore artistico” come ama definirsi Baglioni, direttore artistico,anche quest’anno, oltre che presentatore. Non è più in programma la sezione “Nuove proposte” ma i giovani hanno avuto un “Sanremo giovani” interamente a loro dedicato, andato in onda il 20 ed il 21 dicembre e di assoluto rilievo, condotto da Pippo Baudo e Fabio Rovazzi.

Per spiegare come funziona quest’anno il Festival, citiamo la sintetica e chiara esposizione che abbiamo letto sulle pagine di “Huffington Post”:

“La votazione avverrà attraverso quattro sistemi: televoto (da telefono fisso e da cellulare), giuria demoscopica, giuria della sala stampa e giuria degli esperti. Attraverso queste tipologia di votazioni si arriverà, alla fine delle cinque serate, al nome del vincitore. Si pensa già all’eventualità di un ex-equo: dopo le 4 cifre decimali si farà riferimento alla graduatoria del televoto. In caso di ulteriore parità, la scelta finale spetterà alla giuria d’onore.

Nelle prime tre serate della kermesse voteranno il pubblico, la giuria demoscopica e la giuria della sala stampa. Per stilare la graduatoria delle 24 canzoni in gara il peso percentuale sarà del 40% per il televoto, del 30% per la giuria demoscopia e del 30% per la giuria della sala stampa. Alla fine della terza serata, quella di giovedì 7 febbraio, verrà stilata dalla Rai la classifica congiunta dei brani in concorso determinata da queste percentuali di voto.

Nella quarta serata, dedicata ai duetti, saranno chiamati al voto il pubblico (sempre attraverso il televoto), la giuria della sala stampa e la giuria degli esperti. Questa volta cambia il peso specifico della votazione, che sarà così rispettivamente distribuito: 50%, 30%, 20%. Agli artisti in duetto che riceveranno più voti verrà assegnato un premio speciale della Rai.

Si arriva così alla finalissima. Nella quinta serata, sabato 9 febbraio, voteranno il pubblico, la giuria della sala stampa e la giuria degli esperti. Anche questa volta il maggior peso specifico del voto è quello del pubblico, che sarà di 50 punti percentuali. Il voto della giuria della sala stampa e della giuria degli esperti avrà un peso che sarà, rispettivamente, del 30% e del 20%. Al termine della votazione verrà stilata una classifica che prenderà in considerazione le votazioni ottenute in tutte le serate del Festival. A questo punto saranno sottoposti a votazione i primi tre artisti di questa classifica provvisoria. Alla votazione parteciperanno il pubblico (50%), la giuria della sala stampa (30%) e la giuria degli esperti (20%). Al termine di quest’ultima votazione verrà decretata la canzone vincitrice del 69° Festival di Sanremo.

Visto che, come nelle intenzioni del presentatore – direttore – dirottatore Baglioni, Sanremo è Musica, è interessante spendere qualche parole sull’orchestra del Festival, composta dai maestri dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo, affiancati da elementi della Sezione Ritmica della RAI.

Così ha dichiarato al “Secolo XIX”, il Presidente dell’Orchestra di Sanremo, Maurizio Caridi: “Il lavoro è lungo e incessante; stanno provando dal 3 gennaio con i cantanti per la lettura la prima volta a Roma e poi verso il 17 gennaio a Sanremo, ultimata la scenografia. Una bella cornice che ingloba verso la platea circa una decina di file di poltrone, acquisendo una buona rilevanza e uno spazio adeguato”.

Impegno testimoniato ovviamente dal primo violino dell’Orchestra, Franco Invidia: “Un periodo intenso con prove alla mattina, al pomeriggio e poi dal 5 febbraio con l’esibizione fino a tarda notte. Per quanto concerne l’orchestra il mio impegno è quello ad esempio di mettere le arcate, di focalizzarmi sulle intonazioni, sull’accordatura per far quadrare l’orchestra in base anche alle esigenze del maestro di turno”.

E così è partita la sessantanovesima edizione, contrassegnata da tale “numero magico”, secondo le parole di Baglioni. Ed allora, avanti con la musica!

Immagine da Rai News

9

|

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *