domenica, Giugno 16, 2019
Home > Attualità > Sanremo: mito vivente

Sanremo: mito vivente

Virginia Raffaele ha appena terminato una straordinaria e spassosa imitazione di cantanti che intonano i loro successi, da Ornella Vanoni a Malika Ayane, a Patty Pravo e di nuovo siamo nella musica e nell’intrattenimento! Per noi che abbiamo raggiunto i sessant’anni l’apparenza del Festival di Sanremo rimane un po’ legata, siamo sinceri, alla vecchia immagine delle prime edizioni; noi che, bambini, avevamo vissuto l’evolversi del Festival in manifestazione nazionale e popolare, segnata dai successi travolgenti di “Una lacrima sul viso”, di “Non ho l’età”, di “Quando, quando,quando”, dall’iniziale rassegna da “Cafè Chantant” che ne cosituiva un carattere, abbiamo comunque continuato a serbare. del Festival, la mitica atmosfera del tempo di Nunzio Filogamo, di Cinico Angelini con la sua orchestra, di Nilla Pizzi e vissuto il resto come una continuazione di quelle prime edizioni. Ma il Festival, come già abbiamo sottolineato nei giorni scorsi, talvolta vituperato, odiato, ritenuto una manifestazione di insulsaggine, arena di case discografiche e di loro interessi, in realtà si è sempre evoluto ed è cresciuto, imponendosi come una manifestazione di rilievo internazionale, richiamando ed accogliendo, come ospiti, grandi cantanti e musicisti della scena internazionale. Da Louis Armstrong a Sting, da Dee Dee Bridgewater ad Elton John, si sono avvicendati, anche come concorrenti, sul palco del Festival. Il meglio della Televisione nazionale è comparso a Sanremo, a partire dai due presentatori più noti: Mike Bongiorno e Pippo Baudo! Nostalgie, ricordi, immagini del passato, sono indubbiamente legati ad una manifestazione che il prossimo anno toccherà i suoi settant’anni e che precede l’inizio delle trasmissioni televisive nazionali, ma il Festival di Sanremo è sempre in evoluzione e si aggiorna e pur se continua, ripetiamo, ad essere visto con uno sguardo al passato da noi che ne abbiamo corso i decenni, è proiettato verso il Futuro ed è e rimane una tappa ed una meta ambite e fondamentali per i giovani cantanti e per le personalità dello spettacolo. E sottolineare che il Festival rappresenta noi stessi, la società italiana che cambia, non è una frase fatta; è pur sempre uno specchio in cui rifletterci, nella volontà di apparire o nel riscontro dei gusti che cambiano, si evolvono, ritornano…sarà inserita così un’altra placca al filare della grata di scolo dell’acqua che segna la mezzeria dell’elegante corso Matteotti: ognuna ricorda un anno di Festival, con la canzone vincitrice; attendiamo quella del prossimo anno, per celebrare ancora, e per un anniversario fatidico ed atteso, uno spettacolo straordinario ed unico, di livello internazionale, che assegna un ruolo da protagonista alla nostra Liguria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *