mercoledì, Novembre 13, 2019
Home > Cronaca > SANREMO: ULTIMO SALUTO A ENRICHETTA ARTONI VEDOVA ANDREINI

SANREMO: ULTIMO SALUTO A ENRICHETTA ARTONI VEDOVA ANDREINI

candela

SANREMO. La signora Artoni, 83 anni, vedova del noto mecenate dell’ arte Augusto Andreini, è mancata all’Ospedale Giovanni Borea di Sanremo, dove era stata ricoverata, per un grave malore, sopraggiunto a seguito di una lunga malattia.
Nata a Moglia di Mantova, ha trascorso la giovinezza a Mirandola, in provincia di Modena, dove la famiglia era titolare di una importante azienda commerciale.

Si trasferì a Sanremo, dopo il matrimonio con Augusto Andreini, noto commercialista, con il quale ebbe due figlie Giovanna e Paola e coltivò la passione per l’ arte. I coniugi, noti collezionisti, già a partire dagli anni Sessanta, avevano cominciato ad ospitare a Sanremo, quali mecenati, numerosi artisti italiani e stranieri. Per anni furono fra gli animatori del mondo artistico matuziano ed appassionati frequentatori delle gallerie più in voga in quegli anni: la Annunciata di Milano ( Via Manzoni), la Galleria Beniamino ( di via Matteotti a Sanremo) e la Galleria Matuzia di Luciano Lupi ( di via Gioberti, anche questa nella Città dei Fiori) dove passarono tutti i più grandi artisti della seconda metà del Novecento. Frequentarono assiduamente molti artisti fra i quali Dova, Marzè, Spezi, Pouppez, Rognoni, Leppien, Albertini, Farioli, Stefanoni, Sughi, Guala, Smenghi, Sosnowsky, Damiano, Roualt, Pichette, Kodra, Arde, Pivetta, Leblanc, Adami, Del Pezzo, De Luca, Ruoppo e Rovelli. Vedova di Augusto dal 10 marzo 2013, Enrichetta aveva già, dal 2005, vissuto una vita ritirata a causa della sua cagionevole salute. Per nostro tramite la famiglia Andreini vuole ringraziare tutti gli operatori dell’ Ospedale Borea di Sanremo dove Enrichetta è stata accudita e curata amorevolmente. Vuole ringraziare tutto il personale medico, gli infermieri, gli assistenti e tutti quanti hanno collaborato al benessere della loro congiunta.

“Giorno dopo giorno- dicono la figlia Giovanna e la nipote Laura- abbiamo potuto riscontrare non solo la competenza e la professionalità, ma anche il rispetto, la pazienza, la sincera empatia e la comprensione con cui tutti si sono accostati ad Enrichetta, una donna nella hanno visto, con alto senso etico e deontologico, prima la persona, poi l’ospite e solo alla fine la paziente. Vogliamo ringraziare in particolare i dottori Alberti, Ierardi, Baldassarre, Traverso, Marongiu, Pisu e Mazzei. Abbiamo apprezzato la grande attenzione e la cautela poste nel trattare anche con noi stesse, che quotidianamente abbiamo trascorso all’ospedale Giovanni Borea di Sanremo innumerevoli ore e ci siamo sempre sentite in un luogo accogliente e familiare. Ora che la parabola terrestre della nostra cara si è conclusa, vogliano far sapere a tutti che, grazie all’opera del Reparto Neurologia dell’ Ospedale di Sanremo, è stata data, pur nella malattia, vera dignità alla nostra cara nei suoi ultimi giorni”.

CLAUDIO ALMANZI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *