Attualità

Santa Corona, Open Day a Villa Frascaroli

Si è tenuto, alla presenza dei responsabili della struttura, l’Open Day a Villa Frascaroli, struttura situata presso l’Ospedale Santa Corona e centro diurno della Asl 2 savonese per minori dai 14 anni, unico in Liguria nell’ambito della sanità pubblica e che nel 2018 ha preso in cura circa 50 ragazzi. A fianco la Comunità Villa Livi, l’unica struttura residenziale a gestione diretta, che ha visto ospitare in un anno 30 minori provenienti da tutta la Liguria.

La presenza nel Santa Corona del Centro per i Disturbi dell’alimentazione, che per il 70% segue pazienti minori, insieme al Centro Diurno Villa Frascaroli ed a quello residenziale  con 6 posti letto Villa Livi rappresenta il risultato di un impegno progettuale del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze della Asl 2 savonese. La scelta di implementare l’intervento precoce sui minori con problemi psichici ha voluto dire orientare il dipartimento su funzioni di cura nuove con problemi clinici ed organizzativi complessi, che hanno richiesto a tutti gli operatori uno sforzo di formazione e di cambiamento.

“Siamo partiti dall’aumento dei minori presenti nei reparti di Psichiatria, con l’obiettivo di creare strutture ad hoc per il trattamento e la cura di certe patologie”, ha dichiarato il direttore del dipartimento di Salute Mentale della Asl 2 savonese Vittorio Valenti, “e nei primi mesi del 2019 questa crescita è confermata poichè sono 20 i giovani pazienti in cura sotto i 18 anni, per un totale di 80 giovani tra i 14 e i 24 anni. E’ fondamentale è intervenire in maniera precoce visto che nei giovani si manifestano i primi sintomi patologici che devono essere trattati prima della formazione di una patologia strutturale: i casi più evidenti sono gli attacchi di panico, le forme di isolamento e chiusura, il cosiddetto fenomeno degli hikikomori, oltre ai disturbi dell’alimentazione”.

“Da due anni la possibilità di lavorare insieme alla Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’Adolescenza ci ha portati a rivedere e ad aggiornare la clinica e la psicopatologia secondo i bisogni che esprime una nuova utenza”, prosegue il dottor Valenti, “riguardante lo spettro dell’autismo, i disturbi di iperattività, il vuoto, il panico, il ritiro ed il silenzio. La scelta, che avevamo già provato in progetti di riabilitazione, è stata quella di utilizzare il più possibile risorse esterne di professionisti al di fuori del mondo della psichiatria: si sta concludendo la collaborazione con il fotografo Alessandro Gimelli e si sta per aprire un laboratorio in collaborazione con il professor Leonida Defilippi, docente all’Accademia di Belle Arti di Brera. Da parte nostra vi è anche una massima attenzione verso forme nuove di patologie legate ai social e alle tecnologie digitali perchè la psicopatologia deve affrontare forme nuove di disagio giovanile e adattare terapie e cure del caso; penso inevitabilmente a contesti di isolamento personale come gli hikikomori. Sicuramente la famiglia e la scuola devono avere e mantenere un ruolo essenziale e per questo da parte nostra sono continuamente coinvolte nel trattamento di alcuni disturbi. Dobbiamo aiutare e capire i ragazzi avendo una particolare attenzione ai loro bisogni e dando risposte su queste linee”.

“I ragazzi ci vengono inviati dalle urgenze e vi è un accordo tra la pediatria ed il Pronto Soccorso; i consultori ed i centri per giovani fanno da filtro. Le scuole sono a conoscenza di questi servizi ed i docenti disponibili presentano i casi più gravi. Allo stato attuale non è previsto l’invio da parte dei medici di famiglia e dei pediatri di libera scelta”, conclude il direttore del dipartimento.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: