martedì, dicembre 18, 2018
Home > Attualità > Savona, approvata tra le polemiche la mozione per i danni alla targa della Madonna degli Angeli

Savona, approvata tra le polemiche la mozione per i danni alla targa della Madonna degli Angeli


di Selena Borgna - 28 settembre 2018, 19:10

E’ stata approvata, non senza polemiche politiche, la mozione presentata dal consigliere Marco Ravera di Rete a Sinistra contro l’atto vandalico dello scorso 13 settembre nei confronti della lapide a ricordo della strage fascista del 27 dicembre 1943 alla Madonna degli Angeli, in cui persero la vita sette rappresentanti del movimento antifascista e che impegna  il sindaco e la Giunta ad attivarsi per l’immediato ripristino della lapide distrutta.

La sala consiliare ha visto la presenza di un nutrito pubblico che ha applaudito la mozione dopo aver assistito alla libreria Ubik al documentario “Schegge di democrazia. La distruzione della lapide di Madonna degli Angeli” di Mimmo Lombezzi e Mario Molinari, un evento in collaborazione con ANPI, ISREC e ANED, a cui hanno preso parte inoltre anche Balduino Astengo e Giuseppe Milazzo per ricordare proprio la vandalizzazione di metà settembre.

Non sono mancate le polemiche quando, in seguito alla lettura del consigliere Ravera il sindaco Caprioglio ha deciso per il ritiro dell’emendamento presentato dalla maggioranza e come primo firmatario il consigliere del gruppo misto Emiliano Martino.

“La vera resistenza non ha colore” ha dichiarato Martino, “e voglio confermare la tesi dell’emendamento che condannava qualsiasi atto vandalico nei confronti di monumenti e simboli di valore storico culturale non concentrandosi solo sulla distruzione della lapide”.

Simile l’intervento della consigliera Simona Saccone :” Sono passati 70 anni e la guerra ha fatto male a tutti. Non credo che vi sia la necessità di discutere ancora oggi di questi temi”.

“E’ stato ritirato l’emendamento ma non perché snaturava questa mozione che era specifica per questo atto vandalico alla memoria della resistenza e dei partigiani”, ha sottolineato il sindaco Caprioglio, “ed ho condannato pubblicamente questo atto, la mozione deve essere votata precisa come detto dal consigliere Ravera. La consigliera Di Padova in altre occasioni ha detto che ho avuto atteggiamenti non inequivocabili ma vorrei sapere, in separata sede, quando ho manifestato questi atteggiamenti. Sono entrata in aula in punta di piedi due anni e mezzo fa, la resistenza è un patrimonio storico di tutti noi. Sono andata al mio primo 24 aprile, con ansia e paura, se siamo qui lo dobbiamo ai nostri partigiani, all’interno delle nostre famiglie ci sono persone che si sono sacrificate per la nostra libertà e mio nonno è uno dei cosiddetti “ragazzi del 99” (i ragazzi del 99 erano i coscritti negli elenchi di leva che nel 1917 compivano diciotto anni e che pertanto potevano essere impiegati sul campo di battaglia). Mi hanno dato della fascista quando molte cose che sono state sistemate e inaugurate sono state fatte proprio dal centrodestra”.

Con  27 votanti, 26 favorevoli, uno astenuto (la consigliera Ciccarelli) e l’abbandono dell’aula da parte dei consiglieri Martino e Saccona, la mozione è passata tra l’applauso generale del pubblico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *