sabato, Dicembre 14, 2019
Home > Attualità > Savona celebra i 71 anni della Repubblica Italiana

Savona celebra i 71 anni della Repubblica Italiana

2 giugno 1946-2 giugno 2017

“Mi sento in dovere di salutare tutti, in particolare le associazioni d’arma ed i giovani presenti”, ha dichiarato il Prefetto di Savona Giorgio Manari durante le celebrazioni in ricordo del 2 giugno 1946, data di nascita della Repubblica Italiana, “e la Repubblica è la casa di tutti gli italiani. Pensando alla Repubblica pensiamo subito alla Costituzione, alla democrazia ed alla libertà che ci sono state donate dai nostri antenati anche a costo della vita. L’anno scorso questa occasione è stata per me la prima a Savona e voglio ringraziare il mio staff. Pensando alla Repubblica ci vengono in mente l’unità nazionale e la solidarietà e l’unità ci è stata tramandata dai nostri avi con le guerre d’indipendenza e le due guerre mondiali. La solidarietà è importante per abbattere le diversità così come il lavoro permette di abbattere la disoccupazione giovanile ed evitare che i nostri migliori giovani vadano all’estero ed è necessaria una cooperazione tra imprese ed istituzioni. La legalità è necessaria per la convivenza civile e per ciò ringrazio i magistrati e le forze dell’ordine. Occorre avere il diritto alla non-paura e la legalità va intesa anche come lotta alla corruzione e voglio dire che le istituzioni sono sane. Ringrazio la protezione civile ed i vigili del fuoco per il loro lavoro durante le recenti alluvioni ed incendi senza però dimenticare il lavoro della capitaneria di porto e delle diverse forze armate impegnate in missioni di pace. La solidarietà è anche accoglienza umana e civile e voglio ringraziare i sindaci che hanno accolto coloro che fuggono dalla guerra e dalle persecuzioni che nella nostra provincia sono circa il 60 per cento della totalità degli amministratori. I valori di democrazia e libertà sono importanti ma non devono essere dati per scontati e per evitare ciò occorre una continua vigilanza”.

“Voglio ringraziare tutti i presenti, in particolare i bambini e voglio ricordare questa giornata come la prima volta in cui le donne hanno esercitato il loro diritto di voto”, ha sottolineato il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio “dopo un plebiscito è nata la nostra repubblica. Pensando a questa giornata non si può dimenticare la giornata del 25 aprile e quella in cui è entrata in vigore la nostra Costituzione, il 1 gennaio 1948. Il 2 giugno è stato per l’Italia democratica un momento cardine ed è importante guardare al passato ma anche al futuro affinché le giovani generazioni ricordino il sacrificio di coloro che li hanno preceduti e tutti devono essere orgogliosi di essere italiani”.

“Ricordando il 2 giugno non si può dimenticare la Costituzione e la prima volta in cui le donne hanno potuto votare”, ha evidenziato Monica Giuliano, sindaco di Vado Ligure e presidente della provincia di Savona, “senza però tralasciare la pace e la prosperità che sono succedute al conflitto. Le donne della Resistenza hanno trasmesso i valori di pace e democrazia ed hanno dato un contributo non trascurabile alla nascita della nostra Repubblica. La provincia sta cambiando assetto economico ed occorre avere il coraggio di agire guardando al futuro senza dimenticare che la nostra comunità ha vinto contro la dittatura fascista. Il percorso di “area di crisi complessa” si sta rivelando molto importante per la nostra comunità e si rafforzerà anche grazie all’azione di governo ed al rapporto con i ministeri competenti. Un’unità d’intenti è molto importante e mi sento di dire che i servizi ai cittadini non devono avere colore politico”.

Sono state consegnate le medaglie d’onore concesse dal Presidente della Repubblica alla memoria di tre cittadini deportati ed internati nei campi di concentramento ed hanno ricevuto il riconoscimento i familiari di Ernesto  Perlo, residente a Savona, Antonio Boagno, residente a Vado Ligure ed Antonio Eugenio Vittorio Ferraro , residente a Cairo Montenotte.

La cerimonia è stata arricchita dalla presenza del Complesso bandistico Città di Savona “Antonio Forzano” e l’evento ha visto inoltre la partecipazione degli alunni della Scuola Primaria “Sergio Sguerso” di Savona che, durante l’esecuzione dell’Inno Nazionale che accompagna il solenne momento, ne hanno segnato il testo secondo il linguaggio dei segni.

Al termine della cerimonia istituzionale è stata inaugurata la mostra fotografica dal titolo “La Grande Guerra 1915 – 1918” allestita nei saloni della Prefettura di Savona. E’ intervenuto con una relazione di inquadramento storico il Prof. Pier Paolo Cervone, mentre la presentazione dei temi della mostra è stata curata da Pietro Brondo, studente del Liceo Scientifico «O. Grassi» di Savona.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *