sabato, Dicembre 14, 2019
Home > Attualità > Savona celebra la Festa della Repubblica

Savona celebra la Festa della Repubblica

Si è celebrata, alla presenza dei sindaci del territorio,dei rappresentanti delle autorità delle principali forze armate, di Sua Eccellenza il Prefetto Antonio Cananà, del Questore Giannina Roatta, dei membri delle principali associazioni cittadine, combattentistiche ed arma e di numerosi cittadini, la Festa della Repubblica presso la Piazza del comune di Savona.

“Saluto tutti e sono molto orgoglioso di vedere così tanti sindaci in piazza”, ha dichiarato Sua Eccellenza il Prefetto Antonio Cananà, “e domenica 26 ne sono stati eletti ben 43 (i comuni al voto erano 44 ma la città di Albenga eleggerà il nuovo sindaco domenica 9 giugno attraverso il ballottaggio) e per alcuni è una riconferma, per altri un ritorno e per qualcuno è la prima uscita con la fascia tricolore. Il gonfalone di Vado Ligure ha la medaglia d’argento al valor militare perchè il Presidente della Repubblica ha premiato la resistenza verso gli occupanti. Il 2 giugno è la pietra miliare del percorso storico dell’Italia per la democrazia ma vanno considerate altre date importanti come il 25 aprile 1945 ed il 1 gennaio 1948 e queste date sono una sorta di spartiacque tra ciò che eravamo, uno Stato autoritario fondato sul mito della potenza coloniale, e ciò che siamo, una Repubblica in cui tutti godono degli stessi diritti. L’articolo 11 della Costituzione dice che l’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa agli altri popoli ed è, a mio parere, l’eredità del 2 giugno, una data speciale che occorre celebrare”.

Parole simili da parte del sindaco di Savona Ilaria Caprioglio :”Saluto tutti i presenti e voglio dire che il 2 giugno 1946 gli italiani hanno scelto la Repubblica e persone come Aldo Moro, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sono morte per la Repubblica. Anche se è molto impegnativo occorre esercitare la democrazia partecipando al voto e voglio dire che educare alla libertà è difficile perchè occorre aprirsi a punti di vista diverso dal proprio così come informarsi non è facile poichè molte sono le notizie false in circolazione. La democrazia è fatta di diritti e doveri e voglio ricordare una frase che Umberto Ambrosoli disse alla moglie : “… Qualunque cosa succeda, comunque, tu sai che cosa devi fare e sono certo saprai fare benissimo. Dovrai tu allevare i ragazzi e crescerli nel rispetto di quei valori nei quali noi abbiamo creduto (…). Abbiano coscienza dei lori doveri verso se stessi, verso la famiglia nel senso trascendente che io ho, verso il Paese, si chiami Italia o si chiami Europa”.

“Sono orgoglioso di essere qui”, afferma il presidente della provincia Pierangelo Olivieri, “e voglio dire che la Repubblica siamo tutti noi nella nostra quotidianità; l’orgoglio ed il confronto tra le istituzioni sono molto importanti in una giornata come questa. Saluto tutti i sindaci appena eletti con l’importante responsabilità per coloro che s’impegnano per la cosa pubblica e l’articolo 5 della nostra Costituzione è molto importante anche se ha in sè incertezze legislative”.

 

Mario Costa, residente a Savona, e Vincenzo Bolia, residente ad Albenga hanno ricevuto la benemerenza di commendatore.

Marco Bui, residente a Cairo Montenotte, e il dottor Ugo Raffaele Dallerice, residente ad Andora, sono stati insigniti dell’onorificenza di ufficiale.

Hanno ricevuto la benemerenza di cavaliere il dottor Paolo Ceccarelli, viceprefetto già in servizio presso la Prefettura di Savona, il primo luogotenente della capitaneria di porto di Savona, Michele Carulli, residente a Vado Ligure, Maria Rosa Coxe e Claudio Fiorito, residenti a Ceriale, Bartolomeo Damele, residente ad Albissola Marina, Salvatore Favia e il Leonardo Sassetti, residenti a Savona, Ivo Mamberto, residente a Spotorno, Giambattista Ravera, residente a Sassello, e Angelo Vernazza, residente a Vezzi Portio.

Nel corso della cerimonia sono state, altresì, consegnate le medaglie d’onore concesse dal presidente della Repubblica alla memoria di sette cittadini deportati ed internati nei campi di concentramento. Hanno ritirato il riconoscimento i familiari di Pellegrino Giusto, Arnaldo Petronici, Cesare Troia, Angelo Vallerino e Giuseppe Zucchelli, residenti a Savona, di Paolo Airaghi, residente a Varazze, e di Gino Peluffo, residente a Vado Ligure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *