domenica, Settembre 15, 2019
Home > Attualità > Savona, città di “nonni”

Savona, città di “nonni”

La provincia di Savona è la “nonna” d’Italia, con un indice di vecchiaia pari a 260, ovvero, per ogni 100 abitanti di età compresa tra 0 e 14 anni ce ne sono 260 che hanno più di 65 anni: il record nazionale, appunto. E proprio il rapporto fra giovani e anziani – osserva la ricerca di InfoData per il Sole 24 Ore – è fondamentale per comprendere le ragioni per le quali alcune aree crescono e altre regrediscono. Non a caso la Liguria è di gran lunga la regione più anziana del paese e, insieme, quella che espone la maggiore differenza fra il numero di nascite e di morti, in favore delle seconde, anzi, secondo taluni indici statistici la nostra sarebbe la regione più anziana al mondo, pur se la solita altalena – cui dobbiamo abituarci o rassegnarci – un po’ dice che il Giappone continua a rimanere un impero di vecchietti, pur in attività; anzi è proprio nelle terre del Sol Levante che vivrebbe la persona più anziana al mondo, una donna, Kane Tanaka, che, a 116 anni, ha ereditato il titolo di longevità da un’altra giapponese, Chiyo Miyako, anche lei giapponese, che il 22 luglio dell’anno scorso se n’è andata dopo aver trascorso 117 primavere.

Savona, nella graduatoria nazionale della “denatalità”, una graduatoria non proprio positiva, è in buona compagnia: in seconda posizione c’è Biella, con indice di vecchiaia pari a 259, tallonata da Trieste con 258. Al quarto posto è Genova, con 253, seguita da Ferrara (252), Oristano (251), Imperia (249), Alessandria (244) e La Spezia (243). La Liguria risulta essere la regione di gran lunga più anziana, con una media pari a 252 over 65 ogni 100 under 14, ma altre aree si stanno candidando a colmare il “gap”: il Friuli è a 213, il Molise a 211, la Sardegna 203, Toscana e Piemonte sono a 201. Impressiona il dato della Sardegna, in quanto nel 2002 l’indice di vecchiaia era ancora a 117; la Liguria era allora già a 242 e l’indice, in questi anni, è solo leggermente peggiorato, mentre in molte altre regioni l’impennata è stata brusca. L’Italia sta diventando anziana molto rapidamente. Rispetto al 2002 l’indice di vecchiaia cresce ovunque, con l’unica eccezione dell’Emilia-Romagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *