lunedì, Luglio 15, 2019
Home > Sport > Savona, città immobile, anche nel calcio

Savona, città immobile, anche nel calcio

Savona – Savona, città immobile o città degli immobili abbandonati? Vecchio Ospedale San Paolo, Villa Zanelli, Complesso di San Giacomo, Palazzo Della Rovere, palazzo della Banca d’Italia, e, scusatemi se non li menziono tutti, ma mi sembra che già questi siano più che sufficienti! Vogliamo però estendere lo sguardo anche agli immobili con destinazione sportiva? Parliamo allora dello stadio Valerio Bacigalupo. Costruito 52 anni orsono, nell’ormai lontano 1959, avrebbe bisogno di essere completamente rifatto, come è avvenuto in altre città, vedi ad esempio lo stadio Alberto Picco di La Spezia. Era nato come impianto polivalente, dotato di pista di atletica leggera, ed aveva raggiunto una capienza ragguardevole, di circa 18 mila spettatori. Alla spalle della gradinata (lato est) vi erano dei terreni agricoli; solo successivamente, e con quella scarsa lungimiranza che ha caratterizzato le amministrazioni comunali savonesi del dopoguerra, vi sono stati costruiti dei palazzi.

Quello che francamente non capisco, è per quale motivo alcuni residenti della zona si lamentino dei problemi causati (2 giorni al mese) dalla presenza dello stadio, come se lo stesso fosse stato inopportunamente costruito in mezzo ai palazzi, mentre in realtà è l’esatto contrario; sono proprio i palazzi che, costruiti dopo, ora creano problemi all’ambito sportivo! D’altronde, queste problematiche esistono ovunque: basta vedere qualche foto d’inizio novecento per notare che lo stadio Luigi Ferraris di Genova si trovava esattamente dov’è ora, solo che non c’erano i palazzi! Oppure basta recarsi a Chiavari o a Valenza Po per verificare che i palazzi sono vicinissimi allo stadio ma, a differenza di Savona, non è stata realizzata nessuna struttura che crei problemi ai residenti! Torniamo però al Bacigalupo: la pista di atletica è in disuso da decenni, due dei quattro settori per il pubblico (le curve) sono stati dichiarati inagibili, la capienza dello stadio è un mistero, cambia di anno in anno (quella attuale è di 4.000 posti?), sono stati spesi tantissimi soldi per effettuare tutta una serie di lavori spesso inutili e comunque provvisori, il terreno da gioco è adattissimo alla coltivazione delle patate e, se piove, si bagna il novanta per cento del pubblico presente! Insomma, come avrebbe detto il grande Gino Bartali, è tutto da rifare. Savona però è la città nella quale nulla si muove, salvo costruzioni ad uso privato di stile discutibile (vedi il nuovo monoblocco nella darsena), dove non si possono costruire parcheggi sotterranei perché c’è il mare, mentre li fanno in tutto il resto del globo terrestre e forse anche altrove, e salvo realizzare sempre nuovi supermercati, mentre altrove li hanno bloccati da tempo, salvo creare le rotonde con decenni di ritardo e magnificare la nuova piscina che va benissimo ma è praticamente l’unico impianto sportivo della città in grado di ospitare eventi internazionali! Per realizzarlo ci sono voluti cinquant’anni! E gli altri sport? Non esiste un palazzetto, perché quello di Corso Tardy e Benech è più obsoleto del Bacigalupo! Se il gruppo del presidente Pesce decidesse di cedere la società Savona fbc, il nuovo proprietario si troverebbe con queste prospettive: uno stadio stravecchio, non omologato per il campionato Lega Pro Prima Divisione, un settore giovanile senza campi di allenamento e di gioco, uno pubblico scarso e molto critico, ed un’amministrazione comunale della quale è assai difficile conoscere le vere intenzioni. Il risultato? Un campionato di Eccellenza o, al massimo, una serie D senza ambizioni, come d’altronde è sempre stato. E gli altri sport? Forse che l’imprenditoria savonese investe in altre discipline? Pallanuoto a parte, non si direbbe proprio.

Filippo De Nobili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *