giovedì, Novembre 14, 2019
Home > Sport > Savona fbc, un momento critico. La società attende risposte sullo stadio, ma l’amministrazione comunale non chiarisce

Savona fbc, un momento critico. La società attende risposte sullo stadio, ma l’amministrazione comunale non chiarisce

Savona – Se uno di noi si trovasse improvvisamente rinchiuso in un manicomio, che cosa cercherebbe di fare? Tenterebbe di scappare, ovviamente. E’ esattamente quello che succede agli intrepidi che decidono di investire tempo e denaro nella prima squadra di calcio cittadina, il Savona 1907 fbc. Sono trent’anni che l’imprenditoria locale non investe nel Savona fbc, come ha confusamente rievocato Luciano Locci (La Stampa del 16 settembre): quegli avvenimenti sono talmente lontani nel tempo, che non se li ricorda più nemmeno l’articolista, che cita un campionato di C del 1980, mentre i fatti si riferiscono alla stagione 1978, campionato di C2.

A parte che sono passati 33 anni, e quindi la replica a Pesce è ovviamente errata, ma il mondo, nel frattempo, è completamente cambiato, così come il calcio professionistico, ovviamente. Ogni paragone con una realtà che non esiste più è assolutamente improponibile. Detto che gli imprenditori savonesi non vogliono, o non sono in grado di sostenere le spese di un torneo professionistico che, se qualcuno non lo sapesse, sono stimabili attorno ai due milioni di euro, bisogna ricordare che gli unici presidenti capaci di portare il Savona fra i professionisti sono stati due “foresti”: Bettino Piro, grazie al quale abbiamo potuto ammirare al Bacigalupo alcuni degli assi dell’attuale Serie A, Ricchiuti e Moscardelli, e, naturalmente Andrea Pesce. Ora il problema è che, un imprenditore che non conosce Savona, ragiona secondo logica e pensa: è una città capoluogo di provincia, che però ha una squadra di calcio costantemente fra i dilettanti. Se rilevo il club, se investo dei soldi, se vinco il campionato e porto finalmente la squadra fra i professionisti, qualcuno me ne sarà grato. Forse potrò avere qualche contatto che faciliterà il mio inserimento nella realtà cittadina e, di conseguenza, il mio lavoro ( Io non credo che Aldo Spinelli sia andato ad investire capitali a Livorno per puro divertimento). A Savona c’è uno stadio vecchio e decrepito, ma potrebbe essere l’occasione per fare qualche cosa di positivo. Così ragiona una persona che viene da fuori, ma a Savona le cose non vanno così. All’inizio va tutto bene, la nuova società investe, vince il campionato e, fra l’entusiasmo generale, (ve lo ricordate quel tifoso sfegatato che saltava in piazza Sisto IV, quando il Savona di Piro vinse lo spareggio di Voghera, approdando in C2? Era Carlo Ruggeri, allora sindaco di Savona, mai più visto allo stadio) sale fra i professionisti. A quel punto iniziano i guai, che sono sempre gli stessi. Nulla si muove. Gli sponsor non arrivano, le occasioni di lavoro nemmeno. La tribuna delle autorità è deserta. Tutti quegli pseudo appassionati che venivano allo stadio per pavoneggiarsi, non appena richiesti di un minimo sforzo economico, spariscono o, peggio, iniziano a remare contro. Lo stadio, vecchio, decrepito e inagibile, crea problemi altrove facilmente risolvibili, ma a Savona insormontabili: arriva la commissione di vigilanza e dice che bisogna rifare tutto. Mentre in Italia, a Valenza Po o a Chiavari piuttosto che a Lecco, lo stadio vicinissimo alle case non crea problemi, nel manicomio Savona succede di tutto. Si creano transenne, cancellate, di tutto e di più e i cittadini protestano, scatenando polemiche inutili che non servono a nessuno. Ora l’assessore allo sport, Luca Martino, afferma: “Questa amministrazione ha investito nella manutenzione straordinaria dello stadio (di che cosa parla esattamente?), nelle misure di sicurezza (di che cosa parla, dell’anno scorso?) esponendosi alle critiche degli abitanti di Legino.” Quindi, secondo Martino, un’amministrazione che investe in misure di sicurezza, evidentemente non obbligatorie, altrimenti sarebbe assurdo attribuirsi il merito di aver ottemperato a un obbligo imposto dalla legge, si espone alle critiche della popolazione? Martino cita poi la Rari Nantes, che però può contare su di un impianto di livello internazionale, quello che manca al calcio e a tutti gli altri sport. Perché invece il sindaco non dice chiaramente che cosa intende fare dell’area dello stadio? Se, magari, decidesse di venire una domenica al Bacigalupo, dove non l’ho mai visto, potrebbe spiegarlo a tutti gli sportivi. La Tritium, vincitrice dello scorso torneo, non avendo lo stadio a norma, ha giocato la prima di campionato a Monza, a 22 km di distanza: se fosse accaduto al Savona, dove avrebbe giocato? Lo stadio più vicino utilizzabile è a 100 km (Alessandria)!

Filippo De Nobili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *