domenica, Settembre 22, 2019
Home > Attualità > Savona, firmato un protocollo d’intesa per riportare nella città la coltivazione dei chinotti

Savona, firmato un protocollo d’intesa per riportare nella città la coltivazione dei chinotti

E’ stato firmato, presso la sala giunta del comune di Savona, alla presenza dell’assessore Paolo Ripamonti, del presidente di Confagricoltura Luca De Michelis, del direttore del Cersaa Giovanni Minuto e del vicedirettore di Coldiretti Roberto Minuto un protocollo d’intesa teso a riportare a Savona la coltivazione dei chinotti.

“Siamo riusciti ad arrivare ad un importante accordo riguardante il chinotto”, ha dichiarato l’assessore Ripamonti, “ed abbiamo trovato un terreno di proprietà comunale di 15.000 metri in Via Cesare Bonini che sarebbe perfetto. Ci piace molto ripartire con questa coltivazione e mi sento di dire che in questi ultimi anni il chinotto si è sviluppato soprattutto nel finalese e ciò ci ha fatto venire l’idea di riportare la coltivazione nella nostra città che è appunto detta “città del chinotto”. Il percorso è stato difficile per i passaggi burocratici anche le associazioni di categoria si sono dimostrate interessate e il Cersaa ha supportato il comune quando possibile. Il protocollo che coinvolge le associazioni e le aziende dev’essere appetibile e la presenza di certe attività sul protocollo portano alla completezza del documento. Quando era assessore provinciale ho collaborato molto con le associazioni e voglio ricordare il lavoro di Giovanni Minuto del Cersaa. Spero sinceramente che la regione ci possa aiutare in questo progetto ed il protocollo sarà operativo a partire dalla sua firma e una volta fatto il bando ci saranno i chinotti da piantare. Il bando non prevede solamente la coltivazione dei chinotti ma attività diverse per poter mantenere al meglio la cubatura del terreno per altre attività cercando di riportare il chinotto sul nostro territorio”.

Dello stesso parere Giovanni Minuto del Cersaa :”Saranno tra 80 e 120 le piante di chinotto presenti e l’azienda che provvederà a questa attività sarà di produzione mista. Questa è una buona pratica applicata in modo che serva da indirizzo per coloro che si rivolgono all’agricoltura dalla quale la forza della produzione ed una sua trasformazione per farla diventare filiera”.

“Savona ha altri terreni che si presterebbero bene a queste coltivazioni ma sono di proprietà di Opere Sociali”, riprende Ripamonti, “e si parte con una sorta di progetto pilota sperando anche in misure favorevoli presenti nel prossimo Psr per l’agricoltura sociale e in Via Vittime di Brescia saranno presenti le coltivazioni storiche”.

“Ci piace molto che Savona prediliga questi progetti invece che la cementificazione”, sottolinea Luca De Michelis, rappresentante di Confagricoltura, “e saranno create molte iniziative su questo progetto che è molto importante per la qualità della vita. Un connubio tra agricoltura e turismo ci piacerebbe molto perchè potrebbe portare benefici per tutti”.

“La zona è perfetta”, evidenzia il vicedirettore di Coldiretti Roberto Minuto, “così come l’ambiente ed il turista deve trovare qualcosa di diverso dal solito e ciò si può fare valorizzando i prodotti locali”.

“Ci piace molto che la tradizione venga ripresa in questo modo e per realizzare questo progetto abbiamo chiesto aiuto alla associazioni di categoria. Con la firma del protocollo ognuno ci mette del suo per arrivare al bando che permetterà di ripristinare le coltivazioni di chinotti e spero di portare a casa un risultato al più presto con l’idea che la location scelta possa diventare sede di eventi culturali”, conclude l’assessore Ripamonti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *