martedì, ottobre 16, 2018
Home > Attualità > Savona, la tragicomica vicenda della lapide in memoria, tra gli altri, delle “camicie nere”

Savona, la tragicomica vicenda della lapide in memoria, tra gli altri, delle “camicie nere”


di MICHAEL TRAMAN - 9 ottobre 2018, 23:54

Da circa un anno, Savona non perde occasione per destare l’attenzione della cronaca regionale e anche nazionale. Nelle tre occasioni che mi balzano in mente, si tratta sempre di figure ridicole se non decisamente imbarazzanti. Poco meno di un anno fa, il polverone si era alzato a seguito dell’ordinanza pensata male e scritta peggio in merito alle deiezioni canine, che prevedeva, nella versione originaria e poi corretta, una multa se l’animale domestico veniva sorpreso a sporcare nelle zone centrali delle città. Una multa senza possibilità di appello, anche se si provvedeva a pulire. A tutto ciò, si era poi aggiunta la trovata geniale secondo cui bisognava “far scendere i cani dal marciapiede”. Insomma, chi conosce via Paleocapa sa come catalogare tale affermazione. Anche il noto programma “La vita in diretta”, in onda sulla rete ammiraglia della RAI, si era occupato dello “scottante” caso.

Quest’estate, Savona si è distinta in negativo nuovamente. Un bel servizio sul TG3 dove accanto ai cassonetti colmi e maleodoranti si vedevano tanti topolini. Che biglietto da visita per una città che dovrebbe avere l’ambizione di essere turistica! In effetti, la già citata via Paleocapa non se la passa bene. Basta passare intorno a mezzanotte per vedere, oltre alla sporcizia, personaggi non proprio eleganti bivaccare sulle panchine. Una “corte dei miracoli” insomma.

Ultima in ordine di tempo, la questione della lapide nel cimitero di Zinola in ricordo dei caduti della Seconda Guerra Mondiale. Quando la lapide è stata scoperta, sabato mattina, l’occhio dei presenti è stato subito attirato dalla scritta “camicie nere”. A polemica scoppiata, e quindi a mio modesto avviso ormai troppo tardi, è arrivata la pronta precisazione del sindaco Caprioglio (presente al momento dell’inaugurazione), riportata dal quotidiano La Stampa: «Non ero al corrente del fatto che nella lapide fossero state incluse le Camicie nere. Al Comune è arrivata una richiesta di apporre due lapidi, richieste nelle quali ci si limitava a dire che una avrebbe riportato l’elenco dei teatri di guerra e l’altra l’elenco delle forze armate senza altri dettagli. Ho scoperto che erano incluse le camicie nere sabato mattina quando abbiamo scoperto la lapide». Non abbiamo motivo di non credere alle affermazioni del sindaco, persona di cultura che sicuramente conosce bene la storia, ma il primo cittadino ha senza dubbio compiuto un errore nel non segnalare subito e in loco la bizzarra scelta di mischiare oppressi e oppressori. Se non altro per la tradizione della nostra città, da sempre estremamente legata ai valori della Resistenza (a questo proposito rimando a un pezzo sul 25 aprile che potete trovare QUI). Ora, la città è da qualche giorno immersa nello sterile e stancante dibattito su questioni di quasi 80 anni fa, il tutto intriso da becere ideologie da quattro soldi da una parte e dall’altra. Per la cronaca, la soluzione è stata quella di apporre un adesivo sulla scritta “camicie nere”.

In fondo, la scelta di includere le camicie nere non è poi neanche tanto assurda se si considera l’adesione a tale corpo come un’imposizione del regime su taluni individui costretti ad agire contro la loro volontà e, soprattutto, che per un periodo anche tutte le altre forze armate elencate sono state al servizio del regime fascista. Ciò detto, questa visione risulta a onor del vero poco spendibile considerando la natura del corpo delle camicie nere, la loro azione dopo l’8 settembre 1943 e come sia troppo semplicistico bollare l’adesione all’ideologia fascista e nazista come una mera forzatura esterna. C’erano i fascisti, convinti di esserlo, come c’erano i nazisti, felici di seguire i dettami di Hitler. C’era dunque chi pensava davvero che l’uso della forza bruta e dell’oppressione del diverso fosse la strada maestra da seguire. A questo proposito, consiglio di leggere un libro un po’ datato, ma illuminante, scritto da Daniel Goldhagen dal titolo I volenterosi carnefici di Hitler, che delinea precisamente il profilo di numerosi “realizzatori”, ovvero coloro i quali applicarono arbitrariamente con grande zelo imposizioni provenienti dall’alto.

In virtù di tali considerazioni, l’immagine della nostra città esce nuovamente malconcia, con un sindaco che, suo malgrado, è entrato nuovamente nell’occhio del ciclone e viene accusato di troppa indulgenza nei confronti di qualcosa che, fino a prova contraria, risulta essere contro la nostra Costituzione. E con una “sinistra”, anche a livello nazionale, pronta a cavalcare vecchi dibattiti con una verve che difficilmente si vede quando si tratta di difendere, per esempio, i diritti dei lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *