martedì, Gennaio 21, 2020
Home > Attualità > Savona, presentata l’edizione numero 29 di “Un artista per la Città” a cura dei Lions

Savona, presentata l’edizione numero 29 di “Un artista per la Città” a cura dei Lions

Si è tenuta, alla presenza del sindaco Ilaria Caprioglio, dei rappresentanti dei Lions e di numerosi cittadini, l’edizione numero 29 di “Un artista per la Città”, tradizionale appuntamento con il Service natalizio dei Lions.

“Per l’opera abbiamo fatto un bando internazionale”, ha dichiarato la direttrice del Museo della Ceramica Tiziana Casapietra, “ed abbiamo ricevuto molte proposte ma abbiamo scelto la tartaruga per valorizzare la lentezza, l’ascolto ed il silenzio. Abbiamo visitato il Centro Emys di Albenga che tutela le tartarughe a rischio estinzione e l’artista, dopo la visita, ha deciso di ispirarsi a questo tema. L’artista che ha vinto il bando, Anne Laure Sacriste, è famosa a livello internazionale e siamo orgogliosi di lei”.

Stessa soddisfazione da parte di Samuele Borreani, neopresidente dei Lions :”Il nostro principale obiettivo è quello di ricavare dalle opere una finalità sociale e con il denaro prodotto dalla vendita delle tartarughe acquisteremo particolari macchinari per l’ossigenoterapia da donare all’ospedale di Savona. L’artista è venuta qui diverse volte, si è confrontata con gli artigiani ed ha svolto questo lavoro che ha in sè un importante fine culturale e sociale”.

“Saluto il sindaco Caprioglio dicendo che il cambio del service club è stata una mia idea”, sottolinea il presidente uscente dei Lions Giovanni Bianchi, “ed il progetto Un Artista Cento Presepi è stato un vero e proprio successo dietro al quale c’è stato un ottimo lavoro ma il cambiamento si è rivelato una vera sfida. Coinvolgere il Museo della Ceramica ha alzato il livello del nostro lavoro portando un successo insperato e voglio ringraziare i soci e tutte le autorità con la convinzione che andare lenti sia simbolo di saggezza”.

“Porgo a tutti i miei auguri di Buone Feste e ringrazio i Lions perchè il soggetto è bello ed interessante”, afferma il primo cittadino savonese, “e la tartaruga significa prendersi una pausa; segnale importante per la nostra società poichè, così facendo, si osservano e si rispettano gli altri”.

“L’idea della tartaruga è nata in Giappone quando realizzavo forme semplici ma un ceramista mi ha detto di soffiare dentro la terra”, evidenzia l’artista Anne Laure Sacriste, “ed ho notato un giardino zen con le tartarughe, ne ho approcciate le figure dopodichè ho fatto un’esposizione a Parigi mettendo tartarughe vere ed in ceramica. I visitatori, sui materassini da yoga, si sono relazionati con questi animali e la loro lentezza ma voglio anche dire che le tartarughe sono interessanti poichè hanno una forma preistorica. Subito l’idea era di posizionarle in una sola sala del museo ma poi ho deciso di metterle ovunque come le tartarughe vive  facendole trovare sul percorso dei visitatori. Il titolo dell’opera si ispira al romanzo di Huysmans nel quale il protagonista, stanco del rapporto con i suoi simili, cerca la solitudine rifugiandosi in una casa di campagna in compagnia di un’unica tartaruga”.

“Le tartarughe possono essere ovunque nel museo”, riprende Tiziana Casapietra, “e ciò è molto interessante perchè, in questo modo, i visitatori devono fermarsi per non romperle”.

“Le opere saranno esposte per tutto gennaio presso il Museo della Ceramica e coloro che desiderano acquistarle possono rivolgersi alle ragazze che seguono la mostra o alla signora Silvia ed il 1 febbraio potranno essere ritirate”, conclude Giovanni Bianchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *