Attualità

Savona, presentato il Festival della Scienza sul Priamar

E’ stato presentato, alla presenza del sindaco Ilaria Caprioglio, dell’assessore Doriana Rodino, della professoressa Bianca Ferrari e di un rappresentante degli studenti, la prossima edizione del Festival della Scienza che si terrà al Priamar dal 16 al 23 ottobre; l’inaugurazione avverrà mercoledì 16 ottobre alle ore 16.

“Questo è un evento importante”, ha dichiarato Ilaria Caprioglio, “e ne sono molto orgogliosa. Ringrazio la regione per l’appoggio e sono contenta del fatto che Savona possa ospitare, insieme a Genova, una manifestazione di questo tipo. L’associazione e la professoressa Ferrari dimostrano che ogni anno vale la pena organizzare questo evento e ho potuto vedere che a Genova sono presenti i grandi scienziati del presente mentre qui sono presenti i grandi nomi del futuro. Mi piace molto il fatto che sono gli stessi giovani a spiegare gli esperimenti ai loro coetanei invogliandoli ad interessarsi a queste materie”.

Stessa soddisfazione da parte dell’assessore Doriana Rodino :”Ringrazio l’associazione Giovani per la Scienza, l’Unione Industriali, l’Ufficio Scolastico Provinciale, Tirreno Power, la Scuola Politecnica, l’Università degli Studi di Genova, Spes ed il CenVIS; sono convinta che se fin da giovani si sviluppa una passione come quella per la scienza negli anni si svilupperà aumentando la capacità di ragionare. Quest’anno ricorrono i 150 anni della Tavola Periodica e l’UNESCO ha proposto il 2019 come Anno Internazionale della Tavola Periodica degli Elementi”.

“Quest’anno è la quarta edizione della manifestazione e come ogni anno è un importante appuntamento per i ragazzi dell’associazione”, afferma la professoressa Bianca Ferrari, presidente dell’associazione Giovani per la Scienza, “ed i 17 esperimenti presenti saranno realizzati, illustrati e costruiti dai ragazzi. Mi piace vedere che i ragazzi crescono e si appassionano a queste materie; ora stiamo studiando la trasformazione della retina che avviene prima nel cervello. I nostri esperimenti vengono applicati alla vita quotidiana e ricordo che la tessera dell’associazione costa 10 euro in modo da rendere l’ingresso accessibile a tutti. Lo scorso anno abbiamo avuto circa 1700 visitatori e quest’anno i soci sono ben 116 e mi piace ricordare come nei nostri smartphone sia presente la storia della scienza che diventa sempre più complicata. Spero che vada tutto bene e dico sempre ai ragazzi che la scienza è sbagliare e correggersi”.

“Per noi l’associazione è importante”, sottolinea uno dei ragazzi dell’associazione, “e le scadenze per i progetti ci permettono di crescere. Il Festival sarà aperto tutti i giorni dalle 9 alle 13.30 e dalle 15 alle 18.30; nel weekend l’apertura sarà alle 10”.

“La ricerca è molto importante e gli studi che hanno portato l’uomo sulla Luna hanno importanti sviluppi ancora oggi”, conclude l’assessore Rodino.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: