AttualitàCultura e Musica

Savona, presentato il libro “Il violino di Mussolini”

E’ stato presentato, alla presenza dello scrittore del romanzo, del presidente dell’associazione Mozart e dell’autrice Emanuela Abbadessa, l’ultimo libro di Mario Baudino intitolato “Il violino di Mussolini”.

“Ringrazio Emanuela Abbadessa e l’autore per essere presenti”, ha dichiarato Ferdinando Molteni, presidente dell’associazione Mozart, “e voglio dire che il libro è bello ma è difficile parlare di un romanzo senza rivelare troppo della trama e del finale ed in questo caso sono presenti molti elementi : la storia, il mistero dei romanzi gialli, l’umorismo e l’amore”.

Stessa soddisfazione da parte di Mario Baudino, autore del libro :”Avevo in mente un libro comico con personaggi grotteschi ed in questo romanzo sono presenti un fascista con una cultura di destra, un leader sovranista ed un libro che forse esiste e dev’essere ritrovato. Il nuovo romanzo è appena abbozzato e sono convinto che la storia possa aiutare la narrazione visto che nel volume è presente un antiquario storico e si sa solamente che il Duce suonava il violino ma non se lo suonasse bene o male. Toscanini ha conosciuto Mussolini ed ha partecipato alla fondazione dei Fasci ma poi si è dissociato; il Duce era molto legato ad un violino di poco valore e gli è stato anche regalato un violino suonato da Vivaldi e dopo la guerra la sua collezione è finita nel mercato degli antiquari. Intorno all’idea del violino è nata la mia storia e lo spunto storico non si può cambiare del tutto arrivando a capire che l’aggancio elastico alla storia è molto importante”.

“Ho raccolto testimonianze su come suonasse Mussolini”, afferma la scrittrice Emanuela Abbadessa, “ed ho saputo che suonava in modo discreto. Per questo tema è molto importante prendere spunto da una serie televisiva intitolata “Il giovane Mussolini” nel quale si vede il Duce che suona anche se, con il passare degli anni, suonava sempre meno ed il suo maestro era ebreo”.

“Il libro nasce dai detective bibliofili”, riprende lo scrittore, “che sono presenti in ogni epoca ed in questo romanzo ho dato una pagina di commedia provinciale. Le figure dei perdigiorno sono quasi sempre maschili e nel romanzo, scritto in prima persona, ho infilato anche una donna. Una storia chiede di essere raccontata in un certo modo ed il punto di vista del personaggio è una sorta di filtraggio della storia con la convinzione che chi scrive in prima persona sia più dentro alla storia. Occorre raccontare in modo convincente e mi piace raccontare le storie con cautela; sono convinto che il violino possa umanizzare la figura del Duce ma ho anche il dubbio che l’arte non possa salvare nessuno e sono invece convinto che il comico non redime ma permette di difenderci dal male come un’importante orma per la difesa nei confronti del male stesso”.

“I protagonisti del libro si riuniscono in una cartolibreria, nel romanzo è presente un protagonista muto, molto difficile da raccontare, il gatto Monsignore che ascolta tutto ed odia uno dei protagonisti”, conclude Emanuela Abbadessa.

Comment here