lunedì, Giugno 24, 2019
Home > Attualità > Savona, presentato il progetto Erasmus + “RE-thinking LEADership” del Cesavo

Savona, presentato il progetto Erasmus + “RE-thinking LEADership” del Cesavo

E’ stato presentato, alla presenza dell’assessore alle politiche sociali del comune di Savona Ileana Romagnoli, della presidente ACLI Savona Jolanda Sandrone, del presidente del Cesavo Mario Accatino, il progetto Erasmus + “RE-thinking LEADership” che si sviluppa attraverso un seminario che si terrà dal 10 al 16 febbraio e che il Cesavo propone alle organizzazioni del Terzo Settore della provincia sul tema della formazione-intervento-azione sull’abuso di alcool tra i giovani.

“Il comune ci ospita per un progetto europeo ed è sviluppato con Avis ed Acli”, ha dichiarato davide Pesce del Cesavo, “ed ora l’Erasmus consiste in una mobilitazione delle persone di tutte le età, non solo degli studenti universitari, ed è chiamato Erasmus +. Riceviamo sempre più finanziamenti dall’Unione Europea ed il Cesavo fa il progetto per le associazioni che lavorano per i soci”.

Stessa soddisfazione da parte di Jan Peloza, founder of Institute for Youth Participation, Health and Sustainable Development :” Sono istriano e sono felice di essere qui a Savona. Il progetto è già stato realizzato lo scorso anno, deriva da un’iniziativa globale ed il progetto di sostenibilità è stato fatto su 30 paesi ma noi siamo qui con rappresentanti di quattro nazioni : Italia, Lituania, Slovenia e Portogallo ed è stato deciso di creare un gruppo piccolo perchè si hanno maggiori faccia a faccia. Spero che il progetto vada avanti ed abbiamo il piacere di avere qui un istruttore indiano leader di un’importante organizzazione per la sostenibilità”.

“Ringrazio il comune ed il Cesavo”, sottolinea la presidente Acli Jolanda Sandrone, “e voglio dire che sono orgogliosa che Savona possa rappresentare l’Italia. Siamo circa 800.000 membri in tutto il mondo ed abbiamo collegamenti tra gli emigranti italiani all’estero e l’Italia. Gli obiettivi del progetto sono gli stessi del servizio civile come, ad esempio, migliorare la risoluzione dei problemi ed il lavoro di squadra. Abbiamo nel progetto 4-5 ragazzi del servizio civile e con questa opportunità conosceranno loro coetanei provenienti dall’estero”.

“Il Cesavo è a disposizione delle associazioni ed abbiamo compiuto da poco 20 anni”, afferma Mario Accatino, presidente Cesavo, “e per noi è molto importante lo sviluppo dei progetti europei. Alla fine dell’anno saremo insieme ad Imperia e questo è per noi molto importante. Sono contento di accogliere qui gli ospiti stranieri e spero che il lavoro si svolga senza problemi anche perchè c’è sempre più bisogno di Europa”.

“Il progetto Europa è molto bello e se dobbiamo crescere l’Italia è troppo piccola”, evidenzia l’assessore alle politiche sociali Ileana Romagnoli, “ed i giovani, soprattutto quelli italiani, devono capire che è importante imparare le lingue. Occorre aprirsi ed i problemi da voi esaminati sono molto importanti e bisogna, ai giorni nostri, affrontare il problema della droga nelle scuole medie”.

“Il progetto spiega come fare i cambiamenti nel nostro futuro”, riprende Jan Peloza, “ed il seminario spiega come ciascuno può fare personalmente alcune cose, lavorare in comunità, come delegare il lavoro di squadra e come capire di cambiare le cose”.

“Le associazioni devono lavorare in rete ed i nuovi dirigenti devono capire, lavorare in gruppo e parlare. I ragazzi formati possono formare altre persone ed il lavoro di gruppo è molto importante ed è fondamentale fare il lavoro con ragazzi che hanno vissuto esperienze diverse applicando la teoria ai problemi pratici”, conclude Davide Pesce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *