giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Attualità > Savona ricorda il Bauhaus a cento anni dalla fondazione

Savona ricorda il Bauhaus a cento anni dalla fondazione

Una mostra fotografica al Museo della Ceramica

Il Bauhaus è in mostra a Savona, al Museo della Ceramica di Palazzo Gavotti, in piazza Chabrol, nel centenario dalla nascita di questa fondamentale scuola dell’architettura moderna, fondata a Weimar da Walter Gropius (1883-1969). Promossa dall’Ordine degli Architetti e dal Museo della Ceramica, insieme ad un network culturale italo-tedesco nel quale figura il Goethe Institut, l’esposizione raccoglie 54 immagini, di 6 diversi paesi europei. scattate dal fotografo Hans Engels, che da anni sta conducendo una ricerca sugli edifici del Bauhaus. Una mappatura che non vuole illustrare i fasti del movimento di idee per un design etico, razionale, funzionale e moderno, quanto le attuali condizioni a volte positive, a volte no, degli edifici progettati allora. “La finalità di questa esposizione è documentare in uguale misura sia gli aspetti conosciuti del Bauhaus sia quelli dimenticati, mostrando le opere ristrutturate e quelle andate in rovina in modo da fornire al pubblico un panorama il più completo possibile di questo movimento architettonico”, spiegano gli architetti curatori Simone Bruzzone e Alberto Moras richiamando la descrizione di Engels sul proprio lavoro.Engels propone pertanto al pubblico un ritratto inedito degli edifici progettati e costruiti da docenti e studenti della scuola del Bauhaus, mostrandone le attuali condizioni.

“Non solo celebrazione della ‘bella architettura’ quindi, ma anche riflessioni sulla necessità del ‘restauro del moderno’” ricordano ancora gli architetti Simone Bruzzone e Alberto Moras che hanno coordinato la realizzazione dell’esposizione per la Commissione Cultura dell’Ordine degli Architetti. “Famosi artisti e architetti – aggiunge il presidente dell’Ordine Architetti Giacomo Airaldi – hanno popolato il movimento e la scuola di architettura, arte e design nata a Weimar nel 1919 e che ha influenzato tutto il mondo. Per celebrarne il centenario, questa esposizione ha fatto il giro d’Europa e ha appena concluso la tappa di Verona. Ringraziamo tutte le istituzioni che hanno reso possibile far conoscere ai savonesi questo movimento che ha posto le basi dell’architettura moderna per minimalismo e linearità e che ha lanciato nuovi metodi e materiali da costruzione.”

La mostra si potrà visitare sino al 12 gennaio 2020 osservando i seguenti orari: lunedì-martedì solo per gruppi 10.00-13.30 / 15.30-18.30; mercoledì 10.00-13.30; giovedì-venerdì-sabato 10.00-13.30 / 15.30-18.30; domenica 10.00-13.30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *