Attualità

Savona si oppone al deposito di bitume in Darsena

ponte darsena savonaQuella della notizia riguardante la costruzione di un deposito di bitume dalla capacità di 45 mila tonnellate annue a ridosso della fortezza della Priamar, a Punta Sant’Erasmo per la precisione, è una voce che ha suscitato in poco tempo il clamore e l’immediata ostilità della cittadinanza savonese, che vedrebbe deturpare uno dei suoi fiori all’occhiello del turismo con l’affiancamento di un’area industriale immediatamente sottostante ad essa. La struttura, la cui costruzione fu proposta già nel 2011 dall’Autorità Portuale, è andata immediatamente a porsi al centro di numerose discussioni: se da un lato vi è il sostegno ad una manovra che rafforzerebbe l’attività del porto di Savona, offrendo la possibilità di accogliere navi fino a 80 mila tonnellate di portata lorda,  da un lato vi è una forte una decisa avversione; nel deposito infatti il bitume subirebbe lavorazioni a temperature di oltre cento gradi, procedimento che comporterebbe, oltre a quelle sull’aspetto estetico e turistico della città, enormi conseguenze anche in materia di impatto ambientale, dato che gli odori delle lavorazioni potrebbero diffondersi in un raggio che può toccare diversi chilometri di estensione. Il progetto, dal costo di oltre 15 milioni di euro, prevede di essere iniziato a breve per poter essere completato verso la fine del 2016, ma non si arrestano le opinioni ostili circa la realizzazione del deposito: il sindaco di Savona Federico Berruti, in  una nota indirizzata al Ministero dello Sviluppo Economico, alla Regione Liguria, alla Provincia di Savona e all’Autorità Portuale, ha definito il progetto “incompatibile con il nuovo percorso di sviluppo economico a vocazione turistica già intrapreso e ormai in corso in questa città”. Nel corso dell’incontro svoltosi ieri in Sala Rossa è emerso lampante l’obiettivo di tutta la cittadinanza, che ha ribadito il proprio principale obiettivo in merito: evitare i danni alla salute, all’ambiente, alla viabilità e alla turismo. Un imperativo categorico e marcato dei cittadini su una questione che, come gli oltre 100 gradi necessari a lavorare il bitume, renderà quest’estate savonese ancora più “calda”.

 Michele Alluigi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: