martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Savona, the Socialist

Savona, the Socialist

D – A che punto siamo con il rilancio politico del PSI savonese?
R – Ormai è cosa fatta, molti compagni sono rientrati, c’è la corsa al tesseramento, numericamente un successo.
D – Questa svolta repentina, sorprendente, come è iniziata?
R – Dopo le dimissioni del segretario traslocato in quattro e quattr’otto nel PD, è subentrato, ha preso le redini il vice segretario, un talento naturale, ragazzo di mondo e dalle palle asfaltate.
D – Si farà il Congresso Provinciale, in che data e in quale location?
R – Per la location, prevedendo una grande partecipazione, stiamo pensando al palazzetto dello Sport e in subordine, se il Congresso verrà effettuato in primavera inoltrata con una temperatura accettabile, allo stadio comunale del calcio.
Dovrà farsi, per regolamento, ma sarà solo una grande festa mascherata, un passaggio pro-forma, di immagine; nel concreto è già in funzione, sia pure in pectore, una nuova segreteria formidabile a prova di qualsiasi gavettone.
D – E chi sono questi super-man dirigenti responsabili?
R – Per una forma di delicatezza, per non creare malumori o quant’altro, prima del Congresso non posso fare nessun nome.
D – Ma qualche cosina può accennarla?
R – E’ ritornata in toto (gli ancora vivi, ovviamente) la guardia imperiale, per intenderci quella da trent’anni a questa parte, compagni che hanno fatto grande il PSI savonese e ai quali noi tutti oggi siamo grati, ammirati e umilmente ossequienti.
D – Mah! mi pare di cogliere nelle sue parole un sottile senso di ironia ma se lo dice lei evidentemente ne è convinto oltre che informato.
R – Proprio così, anch’io sono un retaggio del Jurassic, non ho nulla da nascondere, neppure uno scheletro nell’armadio, neppure una Ruby sotto il letto, ma ancora ho la voglia di battermi e di sbattermi e all’occorrenza anche di strafare.
D – Ma allora, tanto per essere chiari, c’è o non c’è questo rinnovamento tanto conclamato?
R – Ma certo che c’è anche se i giovani, mi duole dirlo, nel nostro partito hanno il vezzo di comportarsi da vecchi pesci in barile e, come tali, pretendere da subito la consegna delle poltrone senza voler prima faticare o imparare a nuotare.
D – E quindi?
R – E che? ‘qui niuno è fesso’, li teniamo in allevamento, questi giovani, con mangimi adulterati come per le trote, poi al momento opportuno li cucinamo in padella e a fuoco lento prima ancora che se ne rendano conto.
D – Allora sembrerebbe tutto bene, quali sono i traguardi immediati che il partito si prefigge?
R – Sicuramente le prossime elezioni comunali della nostra città, dimostreremo quanto valiamo, nessuno potrà ostacolarci, il Sindaco, il vice, almeno sei-sette assessori saranno targati PSI oltre a vari consiglieri e presidenze di importanti Enti pubblici.
D – Ma non avete timore che associazioni di desinenza socialista, operanti nel territorio, slegate dal PSI, possano essere di ostacolo, mi riferisco a Socialismo è Futuro, il Movimento, Linea Socialista e altre ancora, convenzionate a convogliare i voti nel PD?
R – Queste associazioni sono meno del pulviscolo atmosferico, credono di esistere ma è una pia illusione.
D – Eppure nelle precedenti elezioni, una di queste associazioni, ha dato man forte a un compagno, ex PSI, tanto da essere eletto consigliere nel PD, non c’è contraddizione?
R – Nei politici non c’è mai contraddizione altrimenti farebbero un altro mestiere.
D – Ma nel PSI savonese parrebbe proprio un’abitudine a cambiare di volta in volta le carte in tavola, i trascorsi lo dimostrano ampiamente, che mi dice a tale proposito?
R – Che è una domanda stupida alla quale non intendo rispondere, lei, ne sono certo, ha intenti sottaciuti provocatori, stia attento a non perdere la penna che potrebbe ritrovarsi a spasso da un momento all’altro.

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *