martedì, Aprile 23, 2019
Home > Economia > Scenari 2012: Savona in recessione (-0,8%)

Scenari 2012: Savona in recessione (-0,8%)


di - 10 Gennaio 2012, 10:40

Savona non farà eccezione: in un’Italia che nel 2012 sarà caratterizzata dal segno “meno”, anche l’economia della nostra provincia farà un passo indietro. Secondo gli “Scenari di sviluppo delle economie italiane” realizzati da Unioncamere e Prometeia, la contrazione del PIL italiano sarà infatti dello 0,5% nel 2012. Tutte le regioni saranno in recessione, ma con notevoli differenze. Se alcune riusciranno comunque a contenere i danni, come l’Emilia Romagna (-0,2%), la Valle d’Aosta, la Lombardia , il Trentino Alto Adige e il Veneto (tutte a -0,3%), altre, come il Piemonte, il Friuli Venezia Giulia, la Toscana e il Lazio, si allineeranno alla media nazionale, registrando un -0,5%.

La Liguria, unica regione del Nord, con un calo dello 0,7% si posizionerà invece nel gruppo con i decrementi più pesanti; e ancora peggio, in ambito regionale, andrà per la provincia di Savona, dove il 2012 segnerà una riduzione del Pil pari al -0.8%.
A incidere sul prodotto interno lordo della nostra regione sarà l’andamento negativo delle principali componenti della domanda. Le prospettive negative sui redditi personali e le incertezze sul fronte occupazionale freneranno ulteriormente la spesa per consumi delle famiglie, prevista in Liguria in diminuzione dello 0,2% (- 0,1% nel Nord Ovest).
Ancor più pesante la riduzione dei programmi di investimento delle imprese: infatti per la Liguria il calo è previsto in misura pari allo 0,8%, mentre in media per il Nord Ovest la frenata degli investimenti sarà contenuta nel -0,3%.
Unica nota positiva a sostegno della domanda saranno le esportazioni di beni verso l’estero, previste in aumento dello 0,9% per la Liguria e del 2,1% nell’intero Nord Ovest italiano.
Unioncamere sintetizza in un dato le difficoltà che attendono la nostra provincia nell’anno appena iniziato: per Savona stima infatti che la variazione del valore aggiunto reale (su valori concatenati) per il 2012 sarà pari a -0.8%. Diminuirà quindi il valore aggiunto procapite provinciale, andando ad attestarsi a quota 24.200 euro, dato che risulta ancora superiore del 3,9% rispetto al valore medio nazionale, ma con una marcata tendenza alla riduzione del divario. Infatti, nella graduatoria provinciale del valore aggiunto pro capite, si registrerà una ulteriore discesa di Savona, che nel 2012 si attesterà in 48a posizione.
Genova sarà l’unica provincia ligure ad ottenere un buon piazzamento (28° posto con 26,1 migliaia di euro per residente), mentre La Spezia e Imperia si posizioneranno entrambe dopo Savona. La Spezia ricoprirà una posizione di metà classifica (52a su 103 province) con un valore uguale alla media nazionale, mentre Imperia risulterà in 61a posizione con un valore aggiunto pro capite inferiore alla media nazionale di sette punti percentuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *