domenica, ottobre 22, 2017
Home > Economia > Scienziati al Campus per elaborare strategie di difesa contro le “piogge killer”

Scienziati al Campus per elaborare strategie di difesa contro le “piogge killer”



di Redazione - 11 ottobre 2017, 9:30

“Adattamento al cambiamento climatico: scienza, diritto e politiche pubbliche territoriali”. E’ il tema che impegna da questa mattina, al Campus di Savona (Palazzina Branca) scienziati, esperti e ricercatori in un confronto sulle sfide imposte alle città, e più in generale agli ambienti urbanizzati, dai cambiamenti climatici. Il convegno, che fa parte delle iniziative del progetto transfrontaliero Adapt, è organizzato da Fondazione Cima e Comune di Savona.

Il progetto Adapt, nell’ambito del programma Interreg Italia Francia Marittimo, si pone l’obiettivo di dotare l’area transfrontaliera di un piano organico – sulla base del know how creato da alcuni progetti già realizzati – per la prevenzione e la riduzione dei rischi derivanti dai cambiamenti climatici con riferimento alle alluvioni urbane. Eventi che sono riconducibili in misura crescente alle piogge improvvise e intense, sempre più frequenti nell’area transfrontaliera. L’eccessiva impermeabilizzazione delle città amplifica di fatto gli impatti negativi delle piogge, contribuendo al verificarsi di catastrofi alluvionali. Sotto il coordinamento di Anci Toscana, i partner (tra cui i Comuni di Savona e Vado Ligure) realizzeranno azioni pilota utili a migliorare la resilienza ai rischi, ad esempio infrastrutture drenanti, modelli di gestione di ecosistemi verdi, sistemi di monitoraggio e così via. Adapt ha un budget di quasi 4 milioni di euro che sarà utilizzato per finanziare i progetti presentati dai partner e ritenuti ammissibili.

Dopo i saluti del presidente di Fondazione Cima Luca Ferraris, del sindaco Ilaria Caprioglio e del presidente della Provincia Monica Giuliano, i temi della giornata sono stati affrontati da un folto gruppo di relatori. Eva Trasforini (Cima) e Pietro Pera (Ips) hanno tracciato un quadro del progetto Adapt, le cui articolazioni sono state poi affrontate sotto il profilo scientifico, legale e delle politiche del territorio da esperti di varia estrazione: Antonio Parodi, Paola Mercogliano, Antonello Provenzale, Jarosval Mysiak, Katia Poneti, Marco Altamura, Corrado Ragucci, Carlo Maria Medaglia, Tiziana Paccagnella, Marina Morando, Roberto RudariI. Tutti impegnati a mettere a disposizione di tecnici e decisori politici strumenti di conoscenza essenziali per gli interventi che possono essere sviluppati a livello locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *