lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Cronaca > Scomparsa Ivana Damiani, il suo nome è legato al Bar Testa

Scomparsa Ivana Damiani, il suo nome è legato al Bar Testa



di Giorgio Siri - 8 ottobre 2017, 8:41

Il giorno di ieri segna la morte di Ivana Damiani, vedova Rosello, 78
anni, all’ospedale San Paolo presso cui era ricoverata. I funerali si
terranno presso la Parrocchia della Concordia.
Insieme col marito Mario aveva gestito lo storico Bar Testa di Albissola Marina, dai coniugi rilevato negli anni 1980; il famoso locale, situato davanti al Palazzo Municipale. La loro gestione ebbe un corso di una decina di anni, subentrò poi Abele Biagioni con la sua famiglia che a sua volta ha ceduto il locale lo scorso anno. Ora l’eredità del locale più famoso di Albissola è in mano a Gabriel, alla moglie Radia, al fratello Carlo, al
mastro gelataio Franco Galantini; l’equipaggio si era posto l’obiettivo di mantenere la tradizionale clientela e ,insieme, di attirare i più giovani.
Il Bar Testa, negli anni mitici 1950 e 1960, fu il ritrovo degli intellettuali che frequentavano Albissola; Bruna Magi, scrittrice, giornalista, critico cinematografico, una ligure a Milano, autrice del romanzo “Prima pagina” (2013) aveva ricordato che: «“Ci vediamo da Testa” significava incontrarsi nel cuore del mondo creativo e
intellettuale; tra un caffè e un aperitivo si potevano incontrare Salvatore Quasimodo, Aligi Sassu, Lucio Fontana; il “Bar Testa” venne immortalato, nel titolo, in uno dei più bei dipinti di Antonio Sabatelli (1922-2001), “énfant terrible”, a suo tempo, del panorama artistico albisolese e, anch’egli, frequentatore del locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *