sabato, Ottobre 19, 2019
Home > Cronaca > Scomparsa suor Paola, l’angelo delle tossicodipendenti

Scomparsa suor Paola, l’angelo delle tossicodipendenti

Ieri, dopo una lunga sofferenza, è tornata alla Casa di Dio, suor Paola Ginelli, fondatrice della casa d’accoglienza “Buon Pastore” di Varazze, una donna straordinaria che, con grande coraggio, ha dedicato la sua vita agli altri soprattutto occupandosi del recupero di tante ragazze tossicodipendenti. Questa mattina alle 11, sono stati celebrati i funerali nella chiesa parrocchiale di Sant’Ambrogio.

Dopo le esequie la salma è stata trasportata a Crema (Cr) nella casa madre dell’Istituto suore del Buon Pastore, congregazione a cui Paola apparteneva, e qui resterà fino a domani quando sarà celebrata una funzione funebre. Infine suor Paola riposerà nel cimitero di Bagnolo Cremasco (Cr) assieme ai suoi genitori e familiari, come da sua volontà. Suor Paola era infatti lombarda: nata come Giovanna Ginelli a Moscazzano, in provincia di Cremona, l’8 marzo 1947, dopo un breve periodo nella Casa Madre fu inviata a Varazze dove giunse 37 anni fa. La missione delle suore del Buon Pastore è occuparsi di tutte le donne emarginate, maltrattate o in difficoltà e fu proprio a Varazze che nel 1981 suor Paola si prese cura della prima ragazza tossicodipendente. Da quell’episodio nacque la comunità che, gestita dalla stessa suor Paola e da suor Daniela, opera ancora oggi, senza troppo clamore, ma con grande impegno, salvando decine e decine di vite in questi 32 anni di attività. Molto lavoro e niente pubblicità, era questo lo stile di suor Paola che ha mantenuto grande riservatezza anche negli ultimi periodi molto difficili per la sua salute personale. “Fino all’ultimo ha avuto la fede, la forza e il coraggio di pregare e sorridere – raccontano dalla comunità varazzina – fino all’ultimo ha fatto la volontà del Signore”.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *