lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Politica > Se fossi un “esodato” cosa farei?

Se fossi un “esodato” cosa farei?

esodatiOgni tanto è giusto e serio mettersi nei panni degli altri, cercando, per quanto possibile, di immedesimarsi e vivere i loro problemi, le loro angosce, le loro realtà.
Quello degli “esodati” è un dramma che, personalmente ho sempre vissuto dal giorno in cui esso è emerso nella sua pienezza.
Ma se il Manzoni disse “Carneade, chi era costui?”, io chiedo “ma, per la miseria, chi sono costoro? Questi dannati esodati!?”
Anzitutto sono veri e propri “dannati”, figli di una società marcia, corrotta, ipocrita ed irriconoscente nei confronti di chi, per tutta la vita, ha svolto il suo lavoro seriamente, con onestà e professionalità nei confronti dello stato! Sono uomini e donne che, alla luce delle leggi vigenti, avevano rivolto istanza per andare a meritarsi la più che giusta pensione e che, invece, per una leggina frutto di una mente decisamente malata, si sono trovati per la strada a “mangiar sapone” come direbbero a Roma, senza pensione, senza indennità di fine rapporto, senza un accidente di niente e solo con la prospettiva di aspettare qualche anno per essere messi nelle condizioni di avere quello che loro è stradovuto!
Il Signor Monti, da molti indicato quale unico e solo salvatore della patria e la sua compare Sig.ra Fornero (sì, proprio Lei, la coccodrillina che prima mangia gli uomini e poi piange dalla disperazione) sono riusciti a beffeggiare, nella più vile e ipocrita delle maniere, centinaia di migliaia di lavoratori e lavoratrici che, dall’oggi al domani, si sono trovati con una mano davanti ed una di dietro senza poter dare da vivere a sé stessi, alle mogli, ai figli. Eh sì! Cari signori, senza uno straccio di pensione o di stipendio non si campa proprio, non si mangia, non si può pagare l’affitto della casa, non si possono pagare le tasse, non ci si può vestire, né pagare le utenze del proprio appartamento.
Operai, impiegati, lavoratori statali che avendo sacrosanto diritto di collocarsi a riposo, hanno visto questo loro diritto liquefarsi come burro al sole.
I sindacati? Meglio lasciar perdere! Basti pensare che gli stessi non vanno d’accordo e che non è certo organizzare una giornata di sciopero o fare inutili sfilate con striscioni e bandiere per le vie delle grandi città: ci vuol ben altro che tutto questo perché il nostro “mal governo” si ponga il problema e capisca la terribile carognata che è stato capace di combinare al “suo” Popolo Italiano. Anche le forze politiche hanno deluso = tanti discorsi, tante belle parole, tante interpellanze parlamentari, tante promesse e nulla di pratico e di concreto.
Intanto gli esodati e le loro distinte famiglie hanno continuato e continuano a mangiare pane e cipolle in attesa della pensione: ma quanto ancora occorrerà aspettare? Nel frattempo che si fa? Come ci si organizza? E chi ha il compito di programmare una protesta di piazza che non sia, come dicevo, la solita pagliacciata di poche ore che nemmeno scalfisce i personaggi del nostro governo e che lascia – come ben sappiamo – il tempo che trova!
Ma se il ” Governo Monti” e la fata Turchina Fornero hanno dimostrato di essere quello che sono, che ha fatto e che sta facendo il “Governo – Renzi” succeduto al Governo Letta? Non aveva detto il Sig. Renzi, appena autonominatosi Capo del Governo, che sarebbe stato vicino al Popolo, che avrebbe risolto le gravi ingiustizie fatte ai danni di onesti cittadini lavoratori e che il “Problema – esodati” sarebbe stato il primo ad essere risolto? Sì, lo aveva detto, ma non ha fatto un accidente anche lui! Anche Lui – che delusione!! – ci ha coperto di parole, di promesse false = anche lui ci ha preso in giro e continua a farlo con quel suo sorrisino irresponsabile e sciocco! Ma in che mani siamo!
Vedete, se fossi un esodato e mi trovassi nelle condizioni di non avere una lira per mandare avanti la mia famiglia non me ne starei certo con le mani in mano! Farei quel casino che è giusto fare, prima piantandomi davanti al Governo per poi fare pacificamente irruzione in esso e non avrei pace fino alla soluzione del problema non accetterei di essere preso così per i fondelli da un gruppo di cialtroni mangiasoldi. Prima scriverei una bella lettera al Sig. Renzi e a quella “suora – mancata” della Fornero e per conoscenza al Sig. Monti invitandoli a stare, loro stessi, per mesi e mesi, senza uno stipendio, senza una pensione, senza nessun aiuto! Loro, certamente non hanno problemi nel preparare la loro tavola, ove non mancano vini “doc” e manicaretti di prima qualità. Ogni volta che si siedono nella loro tavola imbandita dovrebbero vergognarsi e farsi passare l’appetito solo nel pensare a chi, in quel momento, può sgranocchiarsi solo qualche panino mal – imbottito.

 

Carlo Colla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *