domenica, novembre 19, 2017
Home > Sport > Calcio > Seconda Categoria: il confronto con le prime sei giornate della scorsa stagione. Chi se la passava meglio? Chi stava peggio?

Seconda Categoria: il confronto con le prime sei giornate della scorsa stagione. Chi se la passava meglio? Chi stava peggio?



di Michael Traman - 14 novembre 2017, 19:40

Dopo sei giornate, che rappresentano più di un quarto delle partite che verranno disputate, è tempo di provare a tracciare un primo bilancio dell’andamento delle squadre savonesi impegnate nel torneo di Seconda Categoria. La valutazione è stata effettuata confrontando il rendimento della passata stagione, dopo sei gare disputate, con quello attuale, avvalendoci dell’ausilio dei dati disponibili sul portale tuttocampo.it.

Piccola nota: non si tiene conto, per quanto riguarda l’analisi dei numeri, del fatto che due gare (Nolese – Mallare e Santa Cecilia – Murialdo) siano state decise a tavolino per la presenza di giocatori non tesserati tra le fila di Mallare e Santa Cecilia. Partite che vengono considerate nell’analisi come terminate 3 a 0 in favore di Murialdo e Nolese.

Fortitudo Savona

Sebbene con alle spalle un anno in più di esperienza, la stagione in corso è iniziata sotto una stella meno felice. Lo scorso anno i black and yellow avevano totalizzato 4 punti, mentre ora solo 2, frutto di una vittoria e un pareggio. Nel complesso,però, pare esserci spazio per una ripresa, come avvenne lo scorso anno: i savonesi hanno subito meno reti e ascoltando quanto detto dal presidente Giulio Terlizzi, in un’intervista che uscirà a breve sull’Eco, sembra che i problemi siano esclusivamente realizzativi (solo quattro reti segnate).

Mallare

Fare peggio dello scorso anno (0 punti, sarebbero poi stati 3 alla fine dell’anno) era davvero dura. Il Mallare di quest’anno ne ha solo 3, bottino magro che condanna i rossoblu alla penultima piazza. Se l’attacco fa registrare un netto miglioramento (da 4 a 8) reti, la difesa non pare essere stata registrata a dovere, sono 19 le reti subite, come l’anno scorso a questo punto.

Cengio

La squadra ha cambiato molto in estate e, al momento, è quella che registra il trend peggiore rispetto alla scorsa stagione. Ben 8 punti in meno (da 12 a 4) sono un dato eloquente. Lo scorso anno gli uomini di Bagnasco, il tecnico di allora, giravano a mille dopo sei giornate (erano primi), per poi spegnersi lentamente e non raggiungere neanche un posto ai play off. Per alimentare speranze di salvezza, i granata devo quindi avere un andamento in crescendo e la vittoria con l’Olimpia Carcarese di domenica pare un buon inizio.Il dato più allarmante è la tenuta difensiva, solo 4 reti subite lo scorso anno, mentre per ora la media di reti subite è di 2 a partita.

Santa Cecilia (2016/2017 in prima categoria)

Rocchettese

Sostanzialmente, lo stesso rendimento per i cairesi. Dalla gestione Macchia a quella di Pansera c’è solo un punto di differenza, a favore dell’ex tecnico. Stesso numero di reti segnate (9) e una rete subita in più (da 12 a 13). In proiezione, se tale media punti dovesse essere mantenuta, la Rocchettese totalizzerà tra i 14 e i 15 punti. Pare chiaro che, per andare ai play off, la media punti dovrà raddoppiare anche se potrebbe non bastare.

Nolese (lo scorso anno nel girone A)

Lo scorso anno la Nolese, impegnata nel girone ponentino, aveva un punto in più (6), ottenuto con due vittoria. Quest’anno, invece, i cinque punti totalizzati sono frutto di un successo a tavolino e di due pareggi. Il peggioramento del rendimento viene anche evidenziato dalla differenza reti, da -3 a -8. Come per la Rocchettese, la media punti, se mantenuta, non permetterebbe di superare quota venti, garantendo un numero di punti insufficiente per la salvezza diretta.

Murialdo

Macchia toglie e Macchia dà. Se mister Macchia con la sua Rocchettese aveva condannato il Murialdo alla retrocessione (seppur fittizia), il tecnico ex Millesimo sembra aver dato nuova linfa alla squadra, ritoccata anche sul mercato. Sono tre i punti in più totalizzati (da 7 a 10). Se questo trend verrà mantenuto, si potranno aprire scenari interessanti per i valbormidesi, possibile sorpresa della stagione.Un ruolino di marcia che, dati alla mano, porterebbe a fine anno un bottino di 36 punti, che potrebbero addirittura coincidere con una posizione di rilievo nei play off. Lo scorso anno, il Murialdo, dopo un buon avvio, si era fermato a 16 punti totali.

Priamar (lo scorso anno nel girone A)

La rivoluzione del mercato estivo ha portato la Priamar a raddoppiare i punti della scorsa stagione (da 6 a 12) e la rosa ampia sembra poter permettere ai rossoblu di mantenere il presente rendimento. Come lo scorso anno, c’è stato un avvicendamento in panchina. Lo scorso anno si passò da Gambetta e Ottone, il quale, dopo aver rassegnato le dimissioni dopo la sconfitta con l’Olimpia Carcarese, è stato sostituito da Dario Roso. Bene la differenza reti: da -2 a +4.

Dego (rifondato quest’anno)

Millesimo

Mister Amendola è stato abile a impostare il suo lavoro impostandolo su quanto di buona era stato fatto dal bravo mister Peirone. E i risultati confortano questa tesi. Cinque punti in più (da 9 a 14), quattro reti segnate in più (da 8 a 12) e due reti in meno al passivo (da 4 a 2). Numeri da grande squadra.

Plodio

La scelta di confermare Brignone, nonstante una scorsa stagione ricca di alti e bassi, e qualche acquisto mirato, hanno condotto il Plodio a migliorare drasticamente il rendimento. Sono ben 8 i punti all’attivo in più rispetto a dodici mesi fa quando la differenza reti era negativa (-1). Ora, invece, è a +7.

Olimpia Carcarese

Puntare sui giovani paga (magari Tavecchio legge l’articolo) e la dirigenza dell’Olimpia Carcarese, una volta partito mister Fiori (che sta facendo benissimo ad Altare), non ci ha pensato due volte ad affidare la guida tecnica al ventiduenne Alloisio. I dati, sei punti in più (da 9 a 15) che valgono il primato in classifica, danno ragione al presidente Carlo Pizzorno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *