martedì, Novembre 12, 2019
Home > Cultura e Musica > Secondo atto per la Torretta

Secondo atto per la Torretta

Il primo spettacolo di “E…state in compagnia con ‘La Torretta’”, esperimento ‘al buio’ del gruppo teatrale di casa al Teatro Don Bosco di Savona, è stato un successo: la commedia “Colto in flagrante” di Derek Benfield ha bene inaugurato questo nuovo progetto di eventi serali nell’oratorio. A reggere il peso degli ‘equivoci’ su cui verte la trama, Guido Chiappelli (George), Lorenzo Morena (Phil), Sonia Arecco (Julie), Alessandra Crescini (Maggie), Gianna Marrone (Puffet), Aldo Curti (Brasset), Roberta Ferraro (Greta), Marco Ventura (Alan). Regia di Morena, scenografie di Mimmo Basuino, trucco di Marrone, tecnico luci e musiche Andrea Ghersi. Ora si attende “Quello bonanima”, di Ugo Palmerini e Gilberto Govi, venerdì 15 luglio alle 21.30, sempre con la compagnia amatoriale “La Torretta”.

C’è però anche un’altra sorpresa per gli amanti del buon teatro, che si è concretizzata in questi ultimi giorni: il ritorno di professionisti che già in passato non hanno mancato di fare una ‘capatina’ agli ex Salesiani. Mario Zucca e Marina Thovez, infatti, ritorneranno a calcare le scene la sera di domenica 17 luglio, alle ore 21.30, con: “Occasioni”, ‘Dialoghi allo stretto per pensare ridendo’ di John Searace.
Ne abbiamo parlato con il direttore artistico del teatro Don Bosco, don Giovanni Margara.

Domanda: Don Margara, il suo è decisamente un teatro dalle mille sorprese.

Risposta: La ripetitività e l’omologazione per lo più mi annoiano, mentre mi piace cambiare sempre e cercare cose nuove, magari rispolverando il passato. Mi piace che il teatro possa esprimersi con tutte le varietà di forma che la fantasia sa regalare. Grazie ai miei preziosissimi collaboratori, mi riesce possibile e divertente dare forma alla fantasia che ispira la mia voglia di comunicare con la gente.

D.: A fine settimana torneranno a trovare i savonesi Mario Zucca e Marina Thovez…

R.: Mario e Marina sono assai più che ospiti del teatro don Bosco: sono amici affezionati dal 2005, anno in cui il teatro riprese la sua attività dopo un breve periodo di pausa e vide, nella sera di inaugurazione della nuova Direzione, la presenza di Mario accanto a Isa Barzizza. Fu un segno di novità nella continuità della tradizione artistica e culturale. Oggi Mario e Marina ci regalano una serata particolare, divertente, nel corso della quale avranno modo di presentare il loro ultimo lavoro che andrà in scena al Don Bosco nel prossimo mese di Marzo.

D.: Perché la scelta su questo testo?

R.: Quando qualche anno fa sottoposi a Mario e Marina il testo che sarà interpretato domenica prossima, furono subito entusiasti; Mario stesso volle “imprestarmi” la sua voce (splendida voce di un grande doppiatore) per colorare uno dei personaggi più strani di questa commedia. La cosa mi esaltò ma ancor più mi entusiasmò la proposta dello stesso Mario, giuntami una decina di giorni fa, di proporre con Marina la lettura interpretata di questo testo. Quella di domenica è la riduzione di una commedia in tre atti (il cui titolo originale è “Loculi”) che è sostanzialmente una riflessione, con risvolti comici, sulla vita quotidiana della gente comune; una riflessione sulla necessità di comunicare tra di noi in un mondo in cui è sempre più difficile farlo. Ma soprattutto scoprire noi stessi guardandoci dentro e guardando con attenzione e rispetto le persone che incontriamo.
La particolarità del testo sta nel fatto che le riflessioni, gli incontri dei protagonisti della vicenda avvengono in luoghi un po’ particolari: un cesso pubblico, un ascensore, una cabina telefonica. Piccoli luoghi (“Loculi”) in cui ci troviamo spesso a passare e a stare per forza. Luoghi che ci offrono “Occasioni” per incontrare noi stessi e gli altri.
Chi è John Searace? Ve lo dirò un’altra volta.

Intervista a cura di Laura Sergi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *