domenica, novembre 19, 2017
Home > Economia > Segnali di ripresa per l’economia ligure, ma l’occupazione frena

Segnali di ripresa per l’economia ligure, ma l’occupazione frena



di - 12 novembre 2017, 12:10

Nel secondo trimestre 2017, secondo i dati contenuti nel Rapporto sull’Economia della Liguria diffuso dalla Banca d’Italia, il tasso di occupazione si è attestato al 62,7%, pari allo 0,1% in più rispetto allo stesso periodo del 2016. In particolare si è registrata una ripresa di occupazione nel settore manifatturiero, dove gli occupati aumentano di 16 mila unità, raggiungendo quota 81 mila, a conferma di una situazione che inizia a manifestare i primi segnali di uscita dalla crisi.

Nel secondo trimestre 2017 i contratti di lavoro sottoscritti sono stati 62.436, il 22,4% in più rispetto al II trimestre 2016. Il 62,1% degli avviati ha meno di 40 anni e le classi più numerose sono quelle tra 20-24 anni (18,9%) e 25-29 anni (16%). Le assunzioni sono aumentate soprattutto nel terziario (+22,6%) con la punta del +60,5% nel turismo, e nell’agricoltura (+11,7%). Aumentano anche gli avviati nell’industria, seppure in misura più contenuta (+7,5%).

Positivo anche il trend della disoccupazione che in Liguria scende dalla 72 mila unità del secondo trimestre 2016 alle 62 mila unità del secondo trimestre 2017, con un conseguente calo del tasso di disoccupazione dal 10,6% al 9,3%. Il calo risulta il più significativo rispetto al dato nazionale (in calo dal 11,5% a 10,9%) e a quello del Nord Ovest (dal 7,9% al 7,2%).

Nei primi nove mesi del 2017 l’economia ligure ha proseguito a crescere moderatamente: rispetto all’anno precedente, al positivo andamento del terziario privato si sono aggiunti la ripresa dell’industria manifatturiera e segnali di stabilizzazione nel settore edilizio.

Le imprese industriali hanno registrato nel primo semestre una decisa crescita delle esportazioni, ma anche la domanda interna di prodotti industriali e di servizi si è innalzata. Nel terziario i flussi turistici hanno riportato un nuovo aumento delle presenze. I traffici di merci – sospinti dalla ripresa economica e degli scambi internazionali – hanno segnato un progresso, in particolare nella movimentazione di container. Il settore commerciale ha beneficiato del leggero aumento dei consumi, sui quali pesano però le condizioni ancora incerte del mercato del lavoro.

Malgrado il favorevole tono congiunturale, le imprese non hanno modificato significativamente i livelli di occupazione e di capitale fisico. Sulla spesa per investimenti, non dissimile da quella del 2016 e in linea con quanto programmato a inizio anno, pesano gli ampi margini di capacità produttiva inutilizzata, pur in presenza di condizioni di accesso al credito ancora distese e incentivi fiscali sui beni strumentali.

Il numero complessivo degli occupati si è ridotto, a causa del calo dei lavoratori autonomi, Sull’evoluzione dell’occupazione dipendente, stagnante da oltre due anni, incide anche la necessità di riassorbire i cassintegrati. In presenza di una spesa per investimenti ancora prudente, i prestiti bancari alle imprese hanno continuato a contrarsi. Le famiglie hanno invece incrementato sia il credito al consumo, sia i mutui per l’acquisto di abitazioni.

“La strada dello sviluppo e del lavoro non è una strada facile. La Liguria sconta anni di immobilismo, di assenza di un modello di sviluppo, la crisi della grande industria e un ritardo nelle infrastrutture strategiche. Tutti fattori che non possiamo sperare di recuperare in pochi mesi. Ci vorrà tempo eppure abbiamo la certezza di aver imboccato il cammino giusto”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha commentato l’analisi della Banca d’Italia sull’economia della Liguria.

“Tornano a crescere – ha aggiunto il governatore ligure – anche i settori tradizionali dell’industria, e la cassa integrazione diminuisce per la prima volta in molti mesi, segno che i lavoratori coinvolti cominciano ad essere riassorbiti. Le infrastrutture attese da anni oggi sono in costruzione o in corso di progettazione, come il Terzo valico, il secondo anello ferroviario di Genova, la Gronda di ponente e presto, come promesso dal Governo, anche la nuova grande diga. E nei prossimi mesi l’apertura dello scalo di Vado Ligure e i bandi sull’area di crisi complessa di Savona produrranno certamente una nuova spinta all’occupazione in quell’area. Insomma – ha concluso Toti – le preoccupazioni restano, ma i segnali di una inversione di tendenza dopo anni drammatici ci sono tutti. La rotta è giusta, i risultati a portata di mano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *