lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > Segno più per il turismo in Liguria

Segno più per il turismo in Liguria

Soddisfazione dei vertici regionali

“Il lavoro che stiamo facendo da tempo per promuovere la Liguria porta risultati. Questa Regione continua a marcare il segno più sul turismo, anche grazie a tutte le iniziative, alle campagne internazionali che questa giunta ha promosso per far conoscere le bellezze della nostra terra in tutto il mondo. E questo nonostante il crollo del ponte Morandi, la terribile mareggiata di ottobre e il clima che fino a maggio non è stato dei migliori. La Liguria ha ancora molte potenzialità da esprimere e non ci fermeremo qui ma anche la presenza massiccia di stranieri e l’aeroporto, che pochi giorni fa ha stabilito per il mese di luglio il suo record storico, ci danno la conferma che la Liguria viaggia sempre più spedita verso un futuro migliore, allontanando ormai l’immobilismo del passato”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti commenta i dati della nota di Codacons, che conferma le cifre diffuse da Regione Liguria sull’andamento del turismo in Liguria e che pone la Liguria al quarto posto tra le regioni preferite dal turismo balneare – almeno così si intende – dopo Puglia, Sicilia e Toscana, prendendo in considerazione il 60% del 70% dei 34,5 milioni di italiani che hanno avuto accesso ad un periodo di vacanza, numero che sembra eccessivo ma, sempre secondo Codacons, nel 2009 “in piena crisi economica”, i “vacanzieri” sarebbero stati 24.2 milioni. Cifre fumose, mi si consenta, basate su non si sa quali indici e quali rilevazioni, e forse è per questo che, talvolta, i vari “osservatorii”, al mattino riportano dati ed al pomeriggio altri contrari, basti confrontare due titoli di articoli del “Secolo XIX”, a poco più  di un mese di distanza: “Turismo in Liguria, dati negativi per il 2019. Crollano le prenotazioni degli stranieri e scoppia la polemica” – il 17 luglio 2019 –  e “Estate 2019 in Liguria: presenze in crescita e “boom” di stranieri“, ieri 1 settembre;  comunque confidiamo e siamo convinti che il turismo ligure tiene e sarà all’altezza delle sfide future, – ricordando tra l’altro che alla nostra regione è stato quest’anno assegnato il maggior numero di bandiere blu – ad alterne fasi ovviamente, perchè non può andare sempre per il meglio, specie nei mesi invernali, quando ci si allarma se i flussi di visitatori calano, e forse è già molto che i turisti arrivino a gennaio e febbraio!

Ed in ogni caso, ci uniamo a quanto l’Assessore al Turismo, Gianni Berrino, ha, per parte sua, affermato: “Si tratta di dati molto incoraggianti che confermano il trend molto positivo di giugno oltre che le sensazioni che avevamo già avuto parlando con gli albergatori per il mese di agosto e in particolare per i giorni di Ferragosto. Anche visivamente, abbiamo tutti osservato una Liguria piena di turisti. Siamo certi che il dato complessivo di chi è stato ospite delle nostre strutture sommato a chi ha scelto di trascorrere le vacanze in Liguria affittando una casa ad uso turistico sia estremamente positivo e a breve potremo comunicare anche questo dato, per la prima volta. Certamente l’estate 2019 è stata senz’altro quella della rinascita per la nostra regione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *