sabato, Aprile 20, 2019
Home > Attualità > Senza senso e senza buon senso

Senza senso e senza buon senso


di - 19 Settembre 2011, 10:35

Savona – Seguo da sempre il ciclismo con interesse e, in questo mese di settembre, credevo che l’attenzione degli appassionati e dei mezzi d’informazione si fosse concentrata sulla più importante corsa a tappe del mese: il giro di Spagna, La Vuelta. Invece mi sono accorto che un’altra corsa riscuoteva l’interesse dei media, il nostrano Giro di Padania. Qualificata partecipazione di grandi campioni internazionali? Per nulla . Il motivo di tanto interesse lo scopro leggendo Massimo Gramellini, nella prima pagina de “La Stampa” del 6 settembre: vi si afferma che esiste legittimamente il giro di Sardegna perché “la Sardegna esiste, sta nelle cartine geografiche.

La Padania solo nella testa di una parte minoritaria di cittadini del Nord.” Dunque, secondo Gramellini, si direbbe che le corse ciclistiche si possano fare solo se la loro denominazione corrisponde a quanto riportato nelle cartine geografiche. Altrimenti, sono illegittime. Pertanto il Giro della Svizzera Romanda potrebbe essere fermato perché la Svizzera Romanda non si trova nelle carte gerografiche, così come quello del Delfinato, una contea scomparsa da oltre seicento anni. Se si decidesse di organizzare il giro del Dipartimento di Montenotte o del Laetus Imber non si potrebbe fare, mentre si potrebbe optare per quello del Var, dipartimento che esiste tutt’ora. E gli sconfinamenti? Come mai il giro di Francia ha sconfinato in Italia proprio in occasione del centocinquantenario dell’Unità d’Italia? Ohibò, vilipendio dello Stato. E se decidessi di organizzare una corsa ciclistica, e chiamarla “Giro del Regno di Re Artù”, dovrei prima trovare una cartina geografica che lo indichi? Ma, è serio tutto questo? Ha un senso? “Non vi facciamo passare- afferma Gramellini-perché la Padania non esiste”: e se qualche sindaco avesse fatto notare che ,Padania, altro non è che un sinonimo di Pianura Padana, citando il dizionario Devoto-Oli del 1971? Da quel che so, questo termine, “Padania”, veniva già usato da Gianni Brera, storico giornalista della rosea, negli anni sessanta, e venne riportato proprio dal quotidiano “La Stampa” di Torino nel 1975. Ohibò, il povero Bossi non ha inventato nulla! Ora, che si dica che la Federazione ciclistica avrebbe dovuto pensare che, forse, non sarebbe stato opportuno organizzare e patrocinare un Giro al quale sarebbe stata data una valenza politica, è un conto; dire che non si può fare motivando che “La Padania non esiste” è veramente privo di senso, oltre che inesatto. Eppure altri si sono distinti in affermazioni sconcertanti. Gabriele Cascino, assessore allo sport della Regione Liguria, ribadisce che “ è una bella gara ciclistica, dedicata, però, ad una regione che non c’è “(La Stampa, 9 settembre). Infatti la Val Padana, com’è noto, non è una regione amministrativa, lo è però geograficamente, almeno stando ai vocabolari di italiano. Ormai, tuttavia, le parole sembrano tutte prive di senso e manipolabili a piacere. L’ultima novità è rappresentata dall’uso del termine “extracomunitario”: leggo, sempre su la Stampa del 9 settembre, “La parola ai lettori”, a firma Cobas Scuola-Savona, che “Extracomunitario è un termine che, ormai, non viene più utilizzato come sinonimo di migrante”. Infatti, i due termini non sono sinonimi, né si capisce perché mai avrebbero dovuto essere utilizzati come tali. Il migrante, almeno secondo i dizionari di italiano, è una persona che passa da una parte all’altra (anche profugo) e che quindi emigra, mentre l’extracomunitario è colui che è al di fuori di una comunanza, condizione o sorte comune. Quindi extracomunitario è un termine generico, che spesso riferiamo alla Comunità Europea, ma che andrebbe precisato, esattamente come si accinge a fare la Procura di Savona che, però, non si sa bene perché, vuole anche abolirlo. D’altronde, in una nazione dove si usa continuamente il termine xenofobia come sinonimo di razzismo e si asserisce che gli UFO sono riferibili alle sociètà sportive, il vocabolario conviene buttarlo nella spazzatura; è meglio imparare il romanesco, almeno si riescono a seguire i telegiornali della tv di stato.

Filippo De Nobili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *