mercoledì, Novembre 13, 2019
Home > Attualità > Settimio Pagnini: vero uomo e vero sportivo: “non ti dimenticheremo”

Settimio Pagnini: vero uomo e vero sportivo: “non ti dimenticheremo”

PAGNINI SETTIMIO

Conobbi Settimio Pagnini quando avevo vent’anni, oggi ne ho sessantasette. Già da giovane, pur giocando ancora, avevo iniziato la mia lunga carriera di allenatore che a tutt’oggi ostinatamente perdura, seguendo il settore giovanile del Savona Hockey Club.

Erano gli anni ’70 ed il Palazzetto dello Sport si Savona di Corso Tardy  Benech (allora palestra tipo C.O.N.I.) era pressochè dominio esclusivo del basket e del allora cestistica Spugen/Savona guidata proprio da Settimio Pagnini che, poi, divenne, di lì a poco allenatore e responsabile della Nazionale italiana femminile. Quando la nostra società di Hockey, tramite la commissione di gestione dell’impianto, ottenne un’ora e mezza alla settimana per fare il proprio allenamento, la cosa non fu ben accettata né dal volley né dal basket convinti che lo sport “atipico” del hockey rovinasse l’allora pavimentazione in linoleum.

Riuscii a dimostrare, nel corso di un sopralluogo con  i tecnici del Comune, che le mazze da gioco in plastica e la pallina leggera da 100 grammi non arrecavano assolutamente nessun danno al pavimento del Palasport. Ebbi ragione e la commissione d’uso mi confermò l’autorizzazione. Ricordo che il nostro turno di allenamento iniziava il lunedì sera alle ore 20 quando, dalla palestra, uscivano le ragazze del basket allenate dal grande Settimio, geloso, forse troppo, di quell’impianto che, effettivamente, lui aveva voluto e che aveva ottenuto dopo anni di lotte e battaglie.

Un giorno mi disse in parole molto povere che noi dell’hockey eravamo andati a rompere le scatole e che l’ora e mezza settimanale che ci era stata assegnata sarebbe servita lui ed alle squadre che allenava. La personalità di Settimio era possente e lui, con la sua voce ed il suo atteggiamento, imponeva quasi paura a tutti: all’ora era già un “mito” per lo sport savonese, come mito, peraltro, restò sempre e con pieno merito. A quella osservazione, io, giovane tecnico, con il mio caratterino niente male risposi per le rime e ne nacque una accesa discussione. Motivo del contenzioso era che noi dell’hockey dentro il Palasport non c’entravamo un accidente e che le ore dovevano essere date solo al basket che era, per eccellenza, sport da palestra. La discussione finì facendo restare ognuno di noi sulle nostre posizioni con il passare delle settimane e dei mesi io continuavo a salutarlo e lui, che prima poco mi considerava, iniziò a rispondere al mio saluto instaurando un clima di serenità che, con gli anni, divenne reciproca stima.

Settimio vedeva e leggeva i risultati del nostro hockey ed il lavoro che la mia società sportiva stava svolgendo nel quadro delle discipline cittadine dove, con tutto il rispetto dovuto, non poteva e non doveva solo esistere la pallavolo e la “sua” pallacanestro. Ci dividevano quasi trent’anni di età e ciò mi lasciava, nei suoi confronti, con molta soggezione: lui era un allenatore nazionale affermato, io ero un giovane tecnico, se no più certamente alle prime armi, ancora da fare.

Anno dopo anno la nostra conoscenza divenne un’amicizia basata sulla stima reciproca: spesso ci fermavamo a parlare dei problemi sportivi legati ad un’impiantistica che a Savona è sempre stata carente e bisognosa di maggior sviluppo. Ci si incontrava alle riunioni sportive C.O.N.I. dove lo sport era argomento di tutti e per tutti. Imparai a stimarlo conoscendolo sempre meglio: dietro a quel carattere apparentemente duro e burbero c’era un animo sportivo e sempre disponibile, da sportivo “vero” come era Settimio. Quando conobbi la ragazza, che poi divenne mia moglie, lei era una delle sue giocatrici, una della rosa della cestistica che, allora, furoreggiava in Savona e capace di riempire le gradinate del Palasport in ogni partita di campionato. C’eravamo conosciuti litigando per finire a lottare insieme, ancora in tempi molto recenti, per il miglioramento degli impianti e delle palestre cittadine, ancora fino allo scorso anno Settimio reggeva le fila della società scuola bastem team mettendo in riga allenatori ed atleti. Da novantenne il tempo, per lui, non era passato: lo spirito, la tenacia, la ferrea volontà nel gestire tutte le situazioni non era per nulla mutata. Settimio merita veramente l’appellativo di “grande” perché stato un grande.

Ben certo meglio di me lo avranno conosciuto le centinaia di ragazzi e ragazze che lui ha creato come atleti e come uomini. La mia personale conoscenza mi basta per serbarne un ricordo bellissimo e degno di grande rispetto e di meritato affetto sportivo. Non dimentichiamo il suo servizio militare, la guerra da lui combattuta in Russia ed i riconoscimenti militari che ha avuto come reduce con le meritate medaglie di cui Settimio amava fregiarsi durante tutte le cerimonie militari a cui ha sempre partecipato. Settimio, un uomo, un personaggio della nostra Savona, che resterà sempre nei nostri cuori e nei nostri ricordi. Ogni uomo di sport vorrebbe lasciare il ricordo indelebile che Settimio Pagnini ci ha scolpito. Grazie Settimio, per quello che sei stato e per quello che ci hai dato. Una cosa è certa: “non ti dimenticheremo”.

Carlo Colla  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *