giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Cronaca > Si è spento Giovanni Tinti, decano degli artisti savonesi

Si è spento Giovanni Tinti, decano degli artisti savonesi

La scorsa notte si è spento Giovanni Tinti, decano degli artisti savonesi, ricoverato da alcuni giorni presso l’Ospedale S. Paolo. A marzo avrebbe compiuto 95 anni. Le esequie si svolgeranno a Savona mercoledì 11 gennaio 2012, alle ore 10 presso la Chiesa di San Filippo Neri. Ne ha dato notizia la moglie Carla, inseparabile compagna di una vita insieme, che gli è stata accanto fino all’ultimo.

Afferma il Sindaco Federico Berruti “Siamo addolorati per la scomparsa del Maestro Giovanni Tinti, decano degli artisti savonesi. Ci consola il fatto che proprio negli ultimi mesi abbia realizzato il sogno di donare alcune delle sue opere alla città. Ricorderemo con affetto la figura del Maestro e il suo percorso così significativo per la storia dell’arte contemporanea savonese e non solo”. Afferma la Direttrice della Pinacoteca Civica Eliana Mattiauda “Nell’associare la Pinacoteca Civica al cordoglio per la morte di Tinti, ricordiamo che recentemente l’artista ha contribuito all’arricchimento delle civiche collezioni: nel settembre dello scorso anno, a seguito di una mostra di disegni realizzati negli anni Cinquanta precedentemente allestita al Priamàr dal titolo “Dialoghi antichi”, l’artista ha donato al Comune di Savona una serie di interessantissimi disegni a carboncino (n. 17) e un dipinto ad olio su tela che rappresentano vedute e scorci della fortezza al tempo in cui non era ancora aperta al pubblico. Su richiesta di Tinti, le opere dovranno essere esposte negli spazi del Museo Archeologico al Palazzo della Loggia nel Priamàr.” Alleghiamo al comunicato alcune foto che la signora Carla ci ha voluto affidare per ricordare degnamente la figura del Maestro Tinti. Giovanni Tinti era nato a Bragno il 28 marzo 1917. Nel dopoguerra ha iniziato l’attività espositiva artistica che lo ha portato negli anni ’50 e ’60 a vivere le esperienze più avanzate a contatto con le grandi personalità del tempo che hanno reso celebre Albisola e Savona in campo nazionale e internazionale. Con sobrietà e stile, ha mantenuto intatta negli anni la voglia di creare e di esprimersi, dapprima nell’ampio periodo dedicato alle bande meccanografiche, fino a sviluppare negli ultimi decenni una serie di ideogrammi che sono divenuti poi il suo alfabeto espressivo artistico. E’ stato socio fondatore del Comitato di Rigore Artistico di Albisola-Savona, dove ha lavorato e collaborato con entusiasmo partecipando fino all’ultimo a incontri, mostre e iniziative culturali. Nel 2009 l’artista Giorgio Moiso gli ha dedicato un premio e una grande festa alla presenza di tutti gli artisti albisolesi e savonesi, con la consegna del Trofeo Tinti, un artistico vaso in ceramica a lui dedicato “in segno di riconoscenza, stima e amicizia sincera per quanto ha saputo dare a tutti noi, sia dal punto di vista artistico che da quello umano, attraverso i valori della verità e del rigore morale applicato alla pura espressione creativa, tra segno, colore e materia”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *