sabato, Gennaio 25, 2020
Home > Attualità > Si parla di autonomia…

Si parla di autonomia…

Fabio Tosi, portavoce del Movimento Cinque Stelle regionale, diffonde il seguente comunicato: “Non passa giorno senza che Toti e Salvini tentino maldestramente di mettere il cappello sul referendum per l’autonomia in Liguria, che, come tutte le consultazioni popolari, appartiene esclusivamente ai cittadini. Evidentemente, una volta vistisi scavalcati dalla proposta del MoVimento 5 Stelle, provano in tutti i modi a rivendicare un presunto primato di autonomisti.
A noi appassiona poco il colore politico di una proposta. Un’idea non è né di destra né di sinistra, ma semplicemente giusta o sbagliata. Come è assolutamente sbagliato ogni parallelismo tra la battaglia per l’indipendenza della Catalogna e una richiesta di referendum popolare legittima e costituzionale che chiede ai cittadini di esprimersi sulla possibilità di avere maggiore autonomia in alcune materie oggi in carico allo Stato: dal sostegno alle imprese alla ricerca, dall’istruzione ai porti, alla valorizzazione dei beni culturali e molto altro ancora.
Con questa Pdd chiediamo di poter gestire direttamente quelle risorse che permetterebbero di pianificare al meglio l’indirizzo politico da dare alla nostra regione. Il primo pensiero va alle imprese liguri, oggi impantanate in un vortice di burocrazia e che, se supportate al meglio, rimetterebbero in moto l’occupazione in Liguria. Se il referendum passasse, il prossimo governo regionale avrebbe finalmente la chance di gestire direttamente molti fondi senza dipendere dai tempi biblici del governo centrale.
Allo stesso tempo, gli amministratori sarebbero maggiormente responsabilizzati e vincolati a gestire al meglio i fondi disponibili, e i cittadini sapranno finalmente in che modo saranno investiti i propri soldi. Il tutto senza togliere un euro alle altre regioni ma assicurandosi che le risorse a disposizione restino sul territorio.
Noi siamo pronti ad andare fino in fondo a questo percorso e a dialogare con chiunque sia interessato alla nostra proposta. Il tema è troppo serio e importante per confinarlo dentro steccati politici e banalizzarlo con sparate propagandistiche. In gioco c’è il futuro della Liguria e dei suoi cittadini.

In ogni caso, e vale anche per le consultazioni promosse in Lombardia ed in Veneto, che, come hanno sottolineato sia Salvini che Zaia, vengono svolte nell’assoluto rispetto della Costituzione, senza le derive incontrollate ed incontrollabili del referendum “indipendentista” catalano, la Costituzione Italiana, con la riforma dell’art.117 del 2001, ha stabilito un criterio di autonomia regionale che fa dell’Italia uno Stato “regionalista” che affida alle Regioni potestà legislativa a tutti gli effetti e proprio la legislazione di cui Tosi e la maggioranza che governa la Liguria, evidentemente, vorrebbero ascrivere alle competenze regionali, fa già parte di esse, secondo l’art. 117, nella parte in cui specifica le linee della “legislazione concorrente” e che è il caso di riportare: “Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: rapporti internazionali e con l’Unione europea delle Regioni; commercio con l’estero; tutela e sicurezza del lavoro; istruzione, salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale; professioni; ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all’innovazione per i settori produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia; previdenza complementare e integrativa; coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale. Nelle materie di legislazione concorrente spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei princìpi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato.”
E’ di fondamentale importanza, inoltre, il comma successivo, che potrebbe essere una tipica asserzione di norme di ordinamenti federali:
Spetta alle Regioni la potestà legislativa in riferimento ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato.
Forse la famosa “concertazione” chiarirebbe i principi autonomistici, già istituiti su base costituzionale, come pare abbastanza evidente, e la loro definitiva messa in pratica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *