sabato, Maggio 25, 2019
Home > Politica > Signor Renzi, hai imparato bene a fare il dittatore e l’imperatore

Signor Renzi, hai imparato bene a fare il dittatore e l’imperatore

Matteo RenziContinua la dittatura del Sig. Renzi, Capo del Governo, autonominatosi a “Pieni poteri”. Pieni poteri che si è candidamente preso approfittando di una situazione di assoluta indifferenza. Da parte dei Sindacati e dell’opposizione che, quatta quatta, lo lascia fare a disfare permettendogli di raccontare a quei bonaccioni degli italiani (che saremmo noi!) un sacco di scemate, per giunta false al limite della vera ipocrisia. Che Renzi abbia deluso buona parte del suo elettorato che in Lui, nel dopo-Letta, ci aveva creduto è cosa nota. Nessuno pensava che l’arroganza del Premier arrivasse però a tanto. La stessa opposizione interna al “PD” farebbe molto meglio – anziché a far finta di protestare – a fargli guerra per davvero rivoltandogli il partito contro e la sua ala benestante: invece di continue critiche sterili e non producono, volutamente, a nessun effetto. Evidentemente ad ognuno dei suoi oppositori sta bene così presi come sono dalla paura di essere cacciati dal Partito e di perdere i ricchi emolumenti che mensilmente si imbertono. I Sindacati, poi, fanno anch’essi tante belle chiacchiere, ma non sono né in grado né capaci di organizzare uno sciopero tale da bloccare veramente l’Italia e fare capire a Renzi che deve fare la valigia. Al nostro Premier – che ripeto ancora nessuno ha eletto – piace parlare, parlare tanto, piace apparire, piace mettersi in mostra esattamente come hanno sempre fatto i dittatori della peggiore razza. Gli piace parlare e trafficare con quella tale signora Merkel che continua da anni a prendere gli Italiani per il sedere, piace andare alla Casa Bianca a tirarsela da scienziato con Barac Obama, piace agli altri che in Italia, da quando lui è arrivato, le cose vanno decisamente meglio e e che tutto sta migliorando. Gli altri lo stanno a sentire: falsamente gli dicono anche “bravo”, continua così! Prendendolo per il sedere. Ma aimè, sono ancora buona parte degli italiani a credere alle sue fandonie ed alle promesse che, sappiamo tutti, non potrà mai avverare.

L’ultima delle sue uscite è stata quella di dire che uno sciopero generale della scuola sarebbe un’assurdità! Renzi ha avuto la sfacciataggine di dire che sono stati assunti centomila insegnanti precari: ma dove? Ma quando? Ma da chi? Semmai, centomila hanno perso il posto a scuola.
Renzi dice che il Governo ha stanziato un sacco di soldi per il rinnovamento delle scuole: al momento attuale non c’è settimana che vediamo di come, nelle scuole italiane, cadano tetti,calcinacci,tegole sulla testa di alunni ed insegnanti perché le nostre scuole sono vecchie e marce come funghi. Lo sciopero vero dovrebbero farlo tutte le famiglie italiane non mandando più a scuola i loro figli e recandosi davanti al palazzo del Governo a Roma per fare del casino come Dio comanda. Ed invece no. Continuano a mandare i figli a scuola non solidarizzando con quei Istituti che vengono giù a pezzi. E’ un po’ come la storia degli “esodati” che Renzi diceva avrebbe risolto appena andato al Governo lui risolvendo la valanga di carognate fatte di quella tale signora Foriero che ha inguaiato e rovinato mezza Italia. Cosa ha fatto Renzi? Vi risulta abbaia fatto qualcosa? A me risulta di no! Gli esodati sono sempre lì. In attesa della pensione o di una retribuzione che consenta loro ed alle loro famiglie di vivere e di mangiare. Cosa hanno fatto i Sindacati per mobilitare e bloccare l’Italia a favore degli esodati? Che dire e che pensare degli immigrati che, ogni giorno, continuano a sbarcare in Italia a migliaia? L’Italia intera è nel marasma mentre l’Europa assiste senza muovere un dito dicendo a Renzi bravo, pensaci tu.
L’operazione “Mare nostrum” o come diavolo oggi si chiama, costa all’Italia milioni di euro al giorno alla faccia dei nostri pensionati che vivono con quattro spiccioli di pensione al mese e che devono pagarsi perfino i ticket per medicinali e girare senza denti in bocca. Anche in questo Renzi ha dimostrato tutta la sua incapacità e mancanza di serietà.
Finalmente, però, gli italiani stanno comprendendo meglio le cose e lo hanno ancor meglio conosciuto: anche all’Aquila lo hanno conosciuto, i terremotati, ancora oggi, dopo tanti anni, attendono un pezzo di casa o quei maledetti quattro soldi che erano stati loro promessi e che non sono mai arrivati.
In compenso, quando il Sig. Renzi parla, dice che tutto è a posto, che tutto si è risolto o che sta per risolversi: mi chiedo davvero come ci possa ancora essere della gente che crede a tali chiacchere.
Se Renzi impersonifica il “PD” c’è da porsi molti interrogativi: se non lo impersonifica e non lo rappresenta mi chiedo perché lo stesso PD non lo abbia ancora cacciato. Ma, pensandoci meglio, cacciare via i dittatori e rimettere la vera Democrazia, la storia insegna, non è mai stata cosa facile e ciò è avvenuto solo dopo lotte e rivoluzioni (intese in termine di cambiamento).

Carlo Colla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *