giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Attualità > Silvia Calcagno vince la terza edizione del Premio “L’Arte che Accadrà”

Silvia Calcagno vince la terza edizione del Premio “L’Arte che Accadrà”

L'artista albisolese e cellese continua la ricerca della sua dimensione

Silvia Calcagno, di cui ci siamo più volte occupati, è la vincitrice di un importante premio, con un’opera che farà parte di una collezione permanente a seguito della selezione di una giuria di vasto respiro. Silvia Calcagno è l’artista della rivelazione introspettiva, di una sottile “analisi” di sè stessa e delle sue sensazioni, che diviene motivo di osservazione e di riflessione comune, come nella letteratura, e come in tale campo, l’autrice crea –  da se stessa – dei personaggi che raccontano la sua interiorità: in ciò Silvia è unica, in questo coniugare arte, in una forma nuova, ed ispirazione da scrittore. Avremo occasione di ritornare su di lei, sull’artista che suscita interrogativi, incuriosisce e sconvolge; ora, di seguito, i due comunicati stampa che ci ha inviato.

 

Silvia Celeste Calcagno è la vincitrice della terza edizione del premio L’Arte che Accadrà, curato da Valentina Ciarallo, con l’opera Just Lily, che entrerà a far parte della collezione permanente del gruppo HDRA’, gruppo di comunicazione guidato da Mauro Luchetti e Marco Forlani che ha promosso il concorso.
L’opera, che si unirà a quelle di Marco Raparelli e Matteo Nasini, vincitori delle precedenti edizioni, è stata scelta da una giuria composta dai 150 dipendenti della società romana che, per due mesi, sono stati a stretto contatto con le opere dei finalisti, Silvia Celeste Calcagno, Fabio Giorgi Alberti, Marta Mancini, Giuseppe Pietroniro e Corrado Sassi, in un dialogo non solo con il tempo quotidiano ma anche con la storia, visto che la sede di HDRA’ si trova nelle sale di Palazzo Fiano, splendido edificio quattrocentesco nel cuore di Roma.
Silvia Celeste Calcagno ha rielaborato una sua opera, Just lily, proprio per gli spazi di Palazzo Fiano, trasformati in una stanza dei ricordi. Le immagini sono impresse su circa 650 lastre in grès sulle pareti attraverso la tecnica sperimentale del fireprinting, ideata e brevettata dell’artista, dove la fusione tra materia e fotografia si compie attraverso la sublimazione della cottura.
Le fotografie fissano la realtà che viene poi postprodotta variandone i parametri. Ma è la terra ad elaborare il vero cambiamento, accogliendo l’immagine impressa a fuoco, creando una materia talmente distante dalla fotografia e dalla ceramica da non essere immediatamente identificabile. Just lily è una realtà di transizione. Vive a ritroso nei ricordi, a scavare tagliando con un bisturi affilato il tempo, la memoria, i feticci, i luoghi comuni, le rose, il peso delle cose, la mania per l’accumulo di oggetti che entrano poi a far parte a tutti gli effetti di una inanimata famiglia. La solitudine plasmata dal silenzio con una eco dolce, l’ ossessione rispetto alla volontà di una eterna ricerca innata di instabilità, l’incertezza dei rapporti umani e la certezza degli oggetti sono i pesi e le misure dello stare. Avvolti in una sorta di horror vacui, senza spazi fisici e mentali a disposizione, dove tutto stringe, non abbandona, è impresso a fuoco ciò che non morirà, nonostante la caducità della vita, nonostante la brevità dell’esistenza. Just lily è “appena un giglio”, un fiore che giglio che ha una vita breve, ma ha la caratteristica di non perdere subito i petali e che per l’artista ha un significato particolare, molto distante dalla simbologia a cui è tradizionalmente accostato, racconta Silvia Celeste : “Il giglio è un’ossessione, il suo profumo, la sua forma, le indelebili macchie che lascia il suo polline hanno su di me un ascendente fortissimo. Nell’opera i gigli sono ovunque, nascosti e silenti tra le cose”.

 

Silvia Celeste Calcagno è nata a Genova nel 1974, vive e lavora ad Albissola. Diplomata all’ Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova. Vince nel 2010 il I Premio Opera Pubblica Festival Internazionale della Maiolica Albissola MuDA Museo Diffuso Albissola Marina, nel 2013 il Premio Speciale Artisti in Residenza Laguna Art Prize Venezia, nel 2013 la Targa del Presidente della Repubblica, 57° Concorso Internazionale della Ceramica d’arte
Contemporanea Premio Faenza e nel 2015, prima donna italiana, la 59° edizione del Premio Faenza.
Tra le mostre principali: Nerosensibile, Studio Lucio Fontana, a cura di Luca Beatrice, Albissola 2012, Not Me, Musei Civici Imola e Il Pomo da DaMo Contemporary art Imola ,a cura di Luca Beatrice 2014, Mood, PH Neutro Fotografia Fine-Art a cura di Luca Beatrice, Pietrasanta 2014,
GNAM Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma 2015, Interno 8 La fleur coupée, Officine Saffi, a cura di Angela Madesani, Milano 2015, La sfida di Aracne Riflessioni sul femminile dagli anni ’70 ad oggi, Nuova Galleria Morone, a cura di Angela Madesani, Milano 2016, XXIV Biennale Internationale Contemporaine Musée Magnelli, Vallauris 2016, Il millenio è maggiorenne MARCA Catanzaro e Fabbrica Eos Milano, a cura di Luca Beatrice, 2017.
Nel 2017 espone in Corea, In the Earth Time. Italian Guest Pavillion Gyeonggi Ceramic Biennale Yeoju Dojasesang. Sempre nello stesso anno, presenta IF ( but I can explain ) al Museo d’ arte contemporanea Villa Croce, Genova a cura di Alessandra Gagliano Candela, esposto nel settembre 2017 nella Project Room della Nuova Galleria Morone, Milano.
Nell’ ambito della V Biennale di Mosaico di Ravenna in collaborazione con il MIC Faenza inaugura la personale Il Pasto bianco (mosaico di me) a cura di Davide Caroli, l’ opera fa parte delle collezioni permanenti della storica Biblioteca Classense e MAR Ravenna. Nel Luglio 2018 espone al Museo Carlo Zauli di Faenza con un’installazione site specific, nella quale il suo lavoro dialoga con quello del Maestro, nella personale ROOM 60 a cura di MCZ. Nel 2019 con un nuovo progetto partecipa alla seconda edizione di Other Identity , Genova. Su invito del Ma.Co.f Centro della Fotografia Italiana espone al Museo di Santa Giulia nell’ambito della 3°edizione del Brescia Photo Festival, Maggio 2019, alla mostra “Autoritratto al femminile” a cura di Donata Pizzi e Mario Trevisan. Scrive di lei Francesca Bogliolo ” È un esercizio di igiene costante, quello che Silvia Celeste attua su sé stessa fino a ridursi, come un novello San Bartolomeo con la sua stessa effigie in mano e un coltello ricurvo nell’altra, è una pratica che conferisce al corpo una natura esposta, sacrale “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *