AttualitàCultura e Musica

Simona Bellone ci invita ad agire ed a sperare

La nostra amica Simona Bellone, ambasciatrice della cultura della Valbormida,  dalla sua Millesimo non si perde d’animo, e noi siamo con lei, e ci invia la notizia di un interessante concorso, cui noi auguriamo il miglior successo, per quando i giorni di angustie che stiamo attraversando, saranno, si spera, un triste ricordo; insieme con l’invito Simona ci invia una sua poesia, da cui ha tratto l’idea del concorso: versi ispirati e toccanti che rispecchiamo l’atmosfera di angoscia e di attesa in cui sono ora immerse le città, senza celare un profondo anelito di speranza! (Giorgio Siri)

 

L’associazione culturale caARTEiv di Millesimo (Savona-Liguria) invita a partecipare al concorso gratuito “Città al tempo del coronavirus” inviando una più opere realizzate personalmente o con amici e parenti, (senza limite di età), scegliendo fra poesia racconto pittura scultura e fotografia, sul paese o città di residenza o domicilio, entro il 31/5/2020 alla mail simona.bellone@gmail.com caarteiv.italia@gmail.com

Ulteriori informazioni sono sul sito www.caarteiv.it

Verrà pubblicato un video per ogni opera pervenuta, a votazione pubblica in youtube e giuria interna caARTEiv, nel canale youtube “caarteiv italia” https://www.youtube.com/user/caarteivitalia

La premiazione avverrà nel mese di settembre a Millesimo.

Verrà pubblicato un ebook con tutti i contributi pervenuti, a testimonianza culturale sociale e psicologica delle “città al tempo del coronavirus” (covid-19).

Video promozionale dell’iniziativa:

https://youtu.be/aMhQ_P53jEU in cui compare la poesia che ha generato l’iniziativa:

 

Città al tempo del Coronavirus

Silente il cammino si fa lento

a cercar fra i profili delle case

almeno la scia di un’ombra vivente

oscillando nella culla plumbea

sotto un cielo che argenteo piange.

Non c’è più suono vitale d’animale

non c’è più lo stridere di bimbo in culla

non cigola neanche una ruota giocosa

né rimbomba una voce senile

che dal parco sorrideva al sole.

Dai balconi solo luce velata

che di tepore timida giace

ed invita a celar le vesta al nemico

che nessuno può vedere invano

che nessuno può trafiggere fiero.

Par che l’aria sappia di metallo

pesante del suo fardello ignoto

che da lontano è pur venuto

per catturar ogni debole fato

spento dall’inganno del fiato.

Corrono sfuggenti poche auto nel vento

poiché tutto è chiuso, anche il tempo

non più respira di fantasia

questa lunga attesa confusa

fra anime rinchiuse nella speranza.

 

@Simona Bellone 13/3/2020

Simona Bellone artista e pres. caARTEiv

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: