martedì, Gennaio 21, 2020
Home > Attualità > SIMONA BELLONE CI PORTA NELLA STORIA DELLA VALBORMIDA….

SIMONA BELLONE CI PORTA NELLA STORIA DELLA VALBORMIDA….

Simona Bellone, scrittrice, poetessa, pittrice, presidente di caARTEiv, Associazione che si occupa della diffusione del patrimonio storico e culturale della Val Bormida, ci invia alcune notizie riguardanti la “storia” a tutto tondo, personale e collettiva, della sua Val Bormida; pubblichiamo quindi le seguenti note, a cura dell’autrice:

Isis rivuole conquistare la Spagna? Deve fare i conti con i nobili Bellone! Papa Pio VII preservi la Val Bormida dal terrorismo!

La frase è di certo una provocazione perché son finiti i tempi dei conquistatori e delle guerre correlate, nonostante l’imperante e onirica rivendicazione diabolica per combattere ipotetici nemici dell’Islam, che fa capo all’Isis, ma la casata di Barcellona, recentemente colpita dal terrorismo, ha come capostipite il conte Bellone (Bellón in lingua francese, Bello in lingua spagnola) di Carcassonne e conte di Barcellona, insignito da Carlomagno. (801-820 : Comte de Carcassonne, de Barcelone, d’Ausonne, d’Urgell, de Cerdagne, de Conflent, d’Ampurias), avo di Simona Bellone di Millesimo (Savona) (La genealogia della casata di Barcellona riporta nello scudo le strisce giallo rosse verticali che si ritrovano anche nello stemma dei Bellone Conti di Castagneto Po dai quali discende dal 1400).

In effetti, Bellonus de Turre (Turre di Valencia di Spagna), (cognome Bellone in Italia latinizzato in Bellonus, Bellonis, Bellones…), nell’anno 1000 si insediò in Palazzo Madama prima degli Acaja, e la porta Romana viene chiamata “Fibellona” (fi-bellona) perché dei suoi figli (figli di Bellone) per circa un secolo. Da questi nobili discendono le casate dei Bellone nelle province di Torino, Alessandria, Asti, in seguito ramificate dal 1400 in provincia di Cuneo e dal 1700 di Savona.

Anticamente il cognome Bellone è stato creato da Pompeo e Cesare della repubblica romana quale onorificenza per i valorosi in battaglia, dal culto della Dea Bellona (Bellum=guerra) (culto assimilato dalla religione pagana greca per la dea Ma in Comana del Ponto). Furono insigniti di tale sacerdozio per custodia dei templi della dea Bellona, re Archelao III di Cappadocia e re Mitridate VI del Ponto.

Nei secoli da valorosi in guerra, i discendenti Bellone sono diventati “pacifici” e vantano molti dottori in medicina e in giurisprudenza. E’ da ricordare che grazie all’avvocato Pio Bellone che scese a patti con il generale Jean Rusca al seguito di Napoleone, che si evitò che Ceva (Cuneo) e il suo Marchesato, fosse saccheggiata e conquistata nel 1796, come accadde invece per Millesimo (SV) ed altre cittadine valbormidesi. Se fosse in mano “Bellone” la Spagna sarebbe pacifica e non usurpata come ha intenzione l’Isis di conquistarla bellicosamente.

Nel libro,“Genealogia Bellone”pubblicato nel 2009 da Simona Bellone, dopo una sua certosina ricerca in 7 archivi parrocchiali e 2 comunali in Val Bormida nonché l’archivio di Stato in Cuneo, ed attingendo fonti storiche nei libri storici pubblicati in internet nelle biblioteche multimediali, quali“L’iconografia Greca” per l’origine del cognome e il“Vivant”per le casate nobiliari piemontesi, e relativi alberi genealogici in lingua spagnola e francese, le figure più illustri del passato che tracciano un importante tassello per la ricostruzione storica e catalogazione geografica e temporale sono: re Archelao III di Cappadocia e Re Mitridate VI del Ponto (Antica Magna Grecia attuale Turchia), Conte Bellone di Carcassonne capostipite della Casata dei Bellonidi di Barcellona, nobile Bellonus (Bellonis) de Turre di Valencia in Spagna che si insediò in Palazzo Madama di Torino (porta romana detta “Fibellona” dei figli di Bellone), casate Nobiliari in provincia di Torino, Asti, Alessandria, ed emigrazioni nelle province di Cuneo e Savona.

Non a caso è citata questa ricerca genealogica, perché l’Isis vuole riconquistare la Spagna, come fu per l’invasione islamica del 711-718 d.C., ma deve vedersela con la Dinastia della casata di Barcellona e la stirpe dei Bellonidi, che ebbero come capostipite il conte visigoto Bellone dal 801 d.C., la cui dinastia riporta lo stemma a righe giallo rosse verticali, lo stesso delle casate piemontesi dei nobili Bellone piemontesi.

In retrocopertina del libro, si possono notare gli stemmi dell’Aquila del Ponto (Magna Grecia attuale Turchia), Visigota, Germanica e di Almeria di Spagna, nonché lo stemma del Leone di Armenia, Turchia e Almeria di Spagna, e lo stemma a righe verticali giallo rosse dei Bellonidi di Bellone I di Carcassonne comuni anche alla Francia del sud, con in aggiunta il cervo comune ai nobili originari in Torino.

In copertina, invece, si evince lo stemma dei Bellone conti a Castagneto Po e dei Bellon francesi provenienti da Torino, nonché lo stemma dei Bellonis (cognome Bellone latinizzato in Bellones per il capostipite e Bellonis per i discendenti) che riporta la stella e la luna calante e crescente, che sono simbolo antico della magna Grecia attuale Turchia (bandiera turca con mezza luna e una stella). Sono simboli antichi del regno del Ponto e Cappadocia che fu dei primi Bellone della storia insigniti da Pompeo e Cesare della repubblica romana, quale sacerdozio in venerazione della dea Bellona della guerra (antica dea Ma di Comana del Ponto) titolo onorifico per i valorosi in guerra (re Mitridate VI del Ponto e Re Archelao III di Cappadocia 137 a.C.-17 d.C.) Anticamente le monete romane della dea Bellona erano con inciso una donna guerriera sulla biga con luna e stelle in cielo, riferimento storico alla dea Ma di Comana del Ponto.

Da recenti pubblicazioni genealogiche in internet risalenti al 2015, viene indicato come padre di Bellone I conte di Carcassonne, (sposo di Nimilde D’Ausona), Teodorico Maquir o Makir duca di Tolosa, marito di Auda de França figlia di Carlo Martello, (nonno di Carlo Magno). Il nonno di Bellone I di Carcassone viene citato con il nome di Habibai Ben Natronai, il qule in altre ricerche risulta stabilitosi in Europa, a Carcassonne, ma nato in Babilonia, attuale Iraq, sotto l’antica Anatolia e Ponto, l’ellenica Magna Grecia, dove regnarono i primi re Bellone della storia sopracitati.

Il tassello di congiunzione fra l’antica Magna Grecia e Carcassonne e la casata di Barcellona è così completato, e le origini del cognome Bellone piemontese sono così doppiamente confermate con dinastia non estinta con la morte dei Re del Ponto e della Cappadocia, i cui regni furono colonizzati dalla repubblica romana (probabile che i figli emigrarono in antica Babilonia, e in Carcassonne poterono infine “rispolverare” quel cognome latino osteggiato e combattuto dai conquistatori dell’Impero Romano nel mar mediterraneo).

L’attuale Turchia, che anticamente ellenica “Magna Grecia” diede i natali ai primi Bellone, ora purtroppo agglomera in essa e suo circondario, la voce più aberrante terroristica mondiale, reclutando in Africa e Asia soprattutto, giovani sbandati per invadere come erranti kamikaze a puzzle, le popolazioni occidentalizzate moderne, libere da antichi fardelli religiosi oppressivi, travisando i dettami pacifici della religione, gettando il terrore durante le feste uccidendo famiglie innocenti provenienti da tutto il mondo.

Allucinante è la dichiarazione Isis di guerra all’Italia, e proprio oggi 21 agosto, in nome della pace, è giusto invocare San Pio, perché preservi questa terra valbormidese, che vide prigioniero di Napoleone Papa Pio VII (Targa sull’altare nella Sala Consiliare del Comune di Millesimo (SV). Il 17/08/1809 Papa Pio VII prigioniero di Napoleone, ascoltò la Santa Messa presso questo altare). Tale Papa Pio VII, ora “Servo di Dio”, è in corso di beatificazione dal 15/08/2007, e l’attacco recente in Barcellona del terrorismo avvenuto proprio il 17/08/2017, rimarca l’importanza di questa data storica, che nel 1809 vide in Italia, usurpatori i francesi ed in questo 2017 gli islamici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *