venerdì, Febbraio 15, 2019
Home > Cultura > Attualità > “Soldi” vince a Sanremo

“Soldi” vince a Sanremo

Promosso un brano "impegnato"


di GIORGIO SIRI - 10 Febbraio 2019, 2:23

“Soldi”, cantata da Mahmood viene riconosciuta, quasi alle ore 1.30 di domenica 10 febbraio 2019, la vincitrice del festival di Sanremo. Ancora una volta le giurie puntano su volontà, o velleità, di impegno sociale, che, in ogni caso, continueranno a non far cambiare idea ai detrattori del Festival. Una canzone già salutata come “tormentone” uscito dal Festival; un brano non molto forte musicalmente, riconosciamolo, che di interessante può avere qualche richiamo a nenie arabeggianti, ma non è la “canzone di Sanremo” che il nostalgico che pur sempre lo scrivente è, vorrebbe vincitrice! Comunque auguri al giovane Mahmood, anche per ciò che rappresenta incoraggiare un emigrato di seconda generazione; Mahmood, pseudonimo artistico di Alessandro Mahmood, nato a Milano il 12 settembre 1992 da padre egiziano e madre sarda è comunque un artista interessante; cantautore, anche autore per altri cantanti, aveva partecipato ad X Factor, al Festival di Sanremo del 2016 tra le Nuoive Proposte, classificandosi al quarto posto. Così si era espresso riguardo alla partecipazione al Festival di quest’anno: “Che orgoglio. Non solo per il brano ma anche perché per me, che vengo dai Giovani, gareggiare fianco a fianco di icone musicali come la Bertè o Patty Pravo è un sogno. Poi arrivo io fresco fresco da Milano sud, bello sgargiante, mi fa un effetto assurdo”.

Loredana Bertè, salutata dalle ovazioni del pubblico, aveva presentato un brano indubbiamente più coinvolgente dal punto di vista musicale e lirico. Potremmo dire che è lei, come l’anno scorso la nostra Annalisa, la vincitrice morale. Comunque anche il riconoscimento a Mahmood serba le sue buone motivazioni.

Buona notte ora, se ancora qualche lettore è intento alla “navigazione”; speriamo di aver ben accompagnato i lettori, nel seguire il Festival, ed ancora vogliamo sottolineare l’interessante, appassionante ed appassionata rubrica di Boris Carta, con la collaborazione di Mihcael Traman,che ha illustrato le grandi canzoni del Festival, impresa che ha costituito un marchio del nostro giornale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *