lunedì, settembre 24, 2018
Home > Cultura > Sottili armonie al Bludiprussia, le opere di Lorenzo Bocca

Sottili armonie al Bludiprussia, le opere di Lorenzo Bocca


di Gabriella De Gregori - 5 giugno 2018, 9:40

Le composizioni di Lorenzo Bocca scandiscono lo spazio in modo armonico e ritmato ma soprattutto i contorni dei moduli, creati per occuparlo e scandirlo, presentano linee di contorno nette e precise. Dalla necessità di creare architetture a immaginare e sentire l’urgenza di figure composite e fantastiche il passaggio dal piano reale a quello immaginario ripropone il rapporto che corre tra sogni e realtà. L’utilizzo di strumenti reali per creare atmosfere immaginarie e concrete solo in una realtà, che si potrebbe definire virtuale, potrebbe sembrare forzato e inconsueto, al contrario risulta efficace e malleabile. La tela sembra appiattire su di un unico piano gli oggetti che sono tessere scomponibili e componibili a seconda dell’impulso concettuale nascosto: in realtà sia che vengano affiancati moduli sia che vengano scelti segni dalle forme geometriche la conquista dello spazio e lo scandire dello stesso si fa attraverso movimenti al primo sguardo impercettibili. Si scopre un gioco quasi caleidoscopico, composto di poche cromie, accompagnato da disposizioni di oggetti-moduli su piani scanditi lungo una elegante prospettiva. Il meccanismo da cui scaturiscono le sculture di carta sottintende attitudini proprie di chi deve costruire e rendere fruibile una struttura dandole stabilità ed eleganza e suscitano l’immagine di una Torre di Pisa, che ci incanta per la sua leggerezza. In queste i pieni e i vuoti acquistano gli stessi significati simbolici dei moduli sovrapposti delle superfici piane. Allora queste scritture, composte da cromie e tessere geometriche, si possono leggere in parte come rune personalizzate da un’ impronta contemporanea e in parte come geroglifici presi in prestito dall’arte del costruire, tutto ciò esce da calcoli matematici e tiene conto di leggi della fisica di cui un “costruttore”, avendone padronanza, utilizza e valuta nel realizzare un progetto. Il punto di contatto tra l’anima del costruttore e quella dell’artista trova il punto di coincidenza nella mente che crea e immagina: da una parte innalza strutture architettoniche tangibili mentre dall’altra aiuta la fantasia di altri a creare altre visioni e a suscitare in loro sensazioni impalpabili e a provare emozioni sempre nuove.
Informazioni: con il patrocinio del Comune di Albissola Marina, Presso il Centro Artistico e Culturale Bludiprussia piazza Nicolò Poggi / Vico Chiuso da sabato 26 maggio a sabato 9 giugno 2018,
curatela di Paola Grappiolo: cell. 338 3172458

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *