venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra del Chinotto: “Aspettando Godot”

Sotto l’ombra del Chinotto: “Aspettando Godot”


di - 24 ottobre 2017, 9:11

Scomodo nientemeno che una delle più famose opere teatrali di Samuel Beckett per introdurre quello che a mio parere è il tema principale dell’ottava giornata che accomuna tutte e 3 le nostre squadre provinciali di serie D. Nella cultura popolare il titolo del dramma è divenuto sinonimo di una situazione (spesso prevalentemente esistenziale), in cui si aspetta un avvenimento che dà l’apparenza di essere imminente, ma che nella realtà non accade mai e in cui di solito chi l’attende non riesce ad attivarsi efficacemente affinché questo si realizzi. Vediamo in pratica il perchè ed il per come, nulla (o quasi) si sia mosso all’orizzonte per andare finalmente nella direzione giusta. Non è cambiato il rendimento esterno dell’Albissola che seppur impegnata in una partita divenuta improvvisamente “a rischio” di conseguenza al repentino cambio registratosi tra le fila dell’Argentina (nuovi di zecca : il mister Casu, i neo acquisti Ruggiero e Mechetti, il DG Caserta) allo Sclavi non è andata oltre al pari (1 a 1, con un rigore trasformato per parte) non riuscendo a sfruttare a dovere la superiorità numerica determinata dall’espulsione del difensore rossonero Eugeni caduta a più di mezz’ora dalla fine. E’ evidente che lontano dal Faraggiana stenti ancora a maturare nel gruppo quella mentalità vincente che consentirebbe ai ceramisti di entrare a far parte del lotto delle “grandi” (la prossima col Real Forte, anticipata a sabato, diventerà una ghiotta occasione di rientro in zona 3 punti). 

Non è cambiato nemmeno il rendimento interno dei giallorossi di Buttu (seconda pesante sconfitta consecutiva interna, terza se aggiunta alla goleada subita dal Ponsacco) che sino a poco tempo fa al Borel dettavano legge. La formazione rimaneggiata a causa di numerose assenze di spicco, così come la mancanza di una prima punta “vera” in grado di finalizzare la mole di lavoro della squadra, così come l’aver di fronte l’attuale prima in classifica Lavagnese, non possono e non devono essere un alibi specie in un momento come questo in cui classifica alla mano (undicesimo posto) il margine per stare fuori dalla zona play out è estremamente risicato. Speriamo che domenica nel derby ligure con il Ligorna l’espulsione di Capra (apparsa “forzata” nella maniera in cui è maturata : secondo giallo per simulazione) incida meno del previsto, considerato che si parla del vero leader tecnico e non solo dei finalesi.
Non è cambiata infine nemmeno l’influenza negativa del Bacigalupo sui biancoblù che per l’ennesima volta sono costretti a rimandare quell’appuntamento con la vittoria (l’unica) che manca oramai dal 1° settembre. E pensare che il calendario benevolo (5 gare casalinghe nelle prime 8 di campionato) avrebbe potuto favorire la fuga degli striscioni verso quel primato tanto ambito che se ancora ipoteticamente raggiungibile (5 punti dalle prime non sono un’enormità incolmabile) pare forse in oggi una chimera. Guardiamo le note positive scaturite dal rocambolesco 2 a 2 col Ghivizzano, compagine non così disorganizzata come la bassa posizione farebbe credere e che tra le sue fila annovera pezzi pregiati quali quel Francesco Di Paola ( 6 reti l’anno scorso nella Massese) che ha letteralmente scompaginato la retroguardia savonese. Buona la reazione che ha portato al pari (anche se a mezz’ora dal termine il ribaltone era realizzabile) e buoni gli inserimenti di Lumbombo (in funzione spacca partita) e di Alvitrez (le geometrie disegnate dal peruviano lasciano ben sperare). Credo che Tabbiani possa far frutto dello scampato pericolo e che con la ritrovata vena di Gomes e l’infermeria deserta possa giocarsi domenica 29 ottobre sul difficile campo del sorprendente Seravezza Pozzi tanta parte delle residue possibilità di tornare in alto, considerato che nella graduatoria complessiva i suoi giocatori  stati raggiunti dalla temibilissima Massese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *