Sport

Sotto l’ombra Del chinotto – Ed ebbero inizio le danze

Guarda avanti con convinzione e sicurezza il nuovo Savona di Patrassi dopo essere tornato dalla Toscana con un buon punto, al termine di un pari (1 a 1 il risultato finale) che addirittura gli sta stretto. Pareva che l’agognata avventura non giungesse mai allo start di partenza ed invece ecco avvenuto il debutto in campionato (serie D girone girone A) in casa del temibile Seravezza (non proprio una passeggiata nel fortino “Buon Riposo”). Una prima uscita che poteva riservare sorprese e che invece è stata superata con il cipiglio giusto. Il cambio di proprietà avvenuto a metà luglio ha ridestato la tifoseria che anche in questo caso non ha perso l’occasione di essere vicino alla squadra. Il progetto dell’ambizioso gruppo dirigente milanese prevede il ritorno nel calcio professionistico nel minor tempo possibile (obiettivo minimo la C, per il Ds Papa si parla di B). Il Seravezza, era un banco di prova importante per testare le chance degli striscioni, visto che squadra toscana è reduce da due ottime stagioni in termini di gioco, rosa ormai consolidata e risultati. Mister Vangioni ha disposto il suo colluadatissimo 3-5-2, fatto di corsa, intensità e grande pressione. Non potendo più schierare il rodato bomber Rodriguez, il mercato estivo, ha portato in dote alla società versiliese  l’ex attaccante biancoblù, Diego Frugoli, pronto a guidare il reparto avanzato insieme a Grassi e Granaiola. Il Savona ancora in fase di assestamento e sempre  in attesa della punta centrale promessa dalla dirigenza (niente da fare per il panterone senegalese Fall passato al Lecco), ha  riproposto parte della formazione scesa in campo sette giorni nel primo turno di Coppa Italia, con Tripoli pronto ancora una volta a farsi carico del gioco offensivo abbinato ad Amabile (3-5-2 speculare onde evitare rischi nell’equilibrio). Proprio grazie ad una sua prodezza è giunto quel pareggio (punizione nel sette all’81°) costruito nel secondo tempo ( si era sotto per 1-0 a metà gara) aumentando i giri nella ripresa e dimostrando quel carattere che ha portato a sfiorare il colpaccio in pieno recupero. Il vantaggio del verdeblù Grassi era derivato dalla trasformazione  un penalty (braccio di Pertica) e questo se da un lato conforta (non si prende gol su azione) dall’altro invita ad una maggior attenzione e concentrazione. Tra le note positive l’innesto del giovane attaccante Giovannini  (leva 2001 di rientro dalla Primavera del Carpi) che con le sue giocate ( l’uno contro uno non gli fa difetto) ha scardinato più volte l’assetto difensivo dei locali.Piace questa voglia di credere nei millenials e dopo i vari Albani, Mehic, Lazzaretti, Pizzonia, ecco l’annuncio del tesseramento di
Leonardo D’Ambrosio, centrocampista esterno, anch’egli 2001, cresciuto sin da bambino nel Settore Giovanile del Torino, che nella scorsa stagione si è laureato Campione d’Italia Under 18 ed è stato convocato in due occasioni con la Nazionale U15 e U16. Gli addetti ai lavori indistintamente accreditato il team di Siciliano di ampi margini di miglioramento (tenuta, assetto e potenziale offensivo)  e domenica 8 settembre alle ore 15.00, allo stadio Chittolina di Vado Ligure quando si giocherà Savona – Verbania ci sarà modo di verificarlo.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: